Fmi: “Italia in recessione per i prossimi due anni”

Il “World economic outlook” è tutt’altro che tenero dei confronti dell’Italia: le previsioni del FMI, il Fondo Monetario Internazionale, stilate nel rapporto sulle economie del pianeta, presentano uno scenario molto pessimista per l’Italia. Infatti l’Italia andrebbe incontro a due anni di recessione profonda, con un 2012 pessimo ed un 2013 in ripresa: secondo le previsioni del Fmi, infatti il Pil del nostro Paese calerà del -2.5% nel 2012, mentre il 2013 sarà un anno meno negativo, con una flessione del Pil italiano pari al -1.1%. Previsioni ben più dure rispetto a quelle degli scorsi mesi, quando si parlava di un calo del Pil sia nel 2012 che nel 2013, rispettivamente per -2.2% e -0.6%. Le motivazioni di questa flessione così pesante del Pil italiano, sono da ricercare nella difficile situazione dell’Eurozona. “La ripresa globale è minacciata dalle crescenti tensioni nell’area dell’euro” si legge nel rapporto del Fmi. Ma non solo questo: a questa situazione, definita come la principale ragione del crollo dell’economia, si affiancano altre fragilità finanziarie sparse per il mondo, che non risparmieranno neppure i paesi economicamente emergenti. Prova a dare una visione più ottimistica per l’anno in corso il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi. “L’Europa si troverà in una forma migliore nel 2012 grazie ai progressi nell’affrontare la due cause primarie della crisi, la mancanza di disciplina fiscale e di riforme strutturali, con convinzione e determinazione”, predicando ottimismo per una situazione che sembra migliore rispetto a quella degli scorsi mesi.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*