Fondi comuni: in crescita i bilanciati, in calo i fondi Hedge

hedge_fundsL’Assogestioni ha comunicato che il comparto fondi, nel mese di novembre, ha registrato una raccolta di 1,27 miliardi di euro, un dato che mostra una raccolta stabile se confrontata con il mese di ottobre, in cui sono stati raccolti circa 1,26 miliardi. Il patrimonio complessivamente investito in fondi è di 422 miliardi.

[ad]

I fondi obbligazionari mostrano il dato più consistente con 1,4 miliardi di raccolta, mentre gli azionari circa 38 milioni. Il comparto che investe in obbligazioni rappresenta il 38% degli asset dell’intero settore. I fondi bilanciati hanno invece incassato circa 124 milioni, i flessibili 425 milioni di euro, mostrando così per il secondo mese consecutivo una raccolta in crescita. La raccolta dei fondi di liquidità perde invece 634 milioni, i fondi Hedge chiudono il mese di novembre con deflussi per 52 milioni. Negativo il dato per i fondi di diritto Italiano, nel complesso hanno avuto una raccolta negativa per 369 milioni di euro. Discorso diverso per i fondi di diritto estero, la cui raccolta è in crescita, e si assesta su 1,6 miliardi, di cui oltre 1,1 miliardi attribuibili a sottoscrizioni di prodotti promossi da società italiane.

Interessante dare uno sguardo ai rendimenti dello scorso anno, secondo un’indagine di Mediobanca, su fondi e Sicav italiani, nel 2008 il rendimento medio dei fondi comuni italiani è stato negativo (-8,4%), il rendimento peggiore lo hanno ottenuto i fondi speculativi con un -19,3%, i fondi comuni aperti hanno invece registrato un -7,2%, con gli azionari fortemente negativi (-38,5%). Dati che vanno analizzati ovviamente in un contesto di crisi.

Andrea Toschi, direttore commerciale Sopaf Capital Management, commenta positivamente i dati di Assogestioni, per il direttore è il quinto mese di raccolta netta positiva per i fondi, e le prospettive per il 2010 sono rosee, anche per quanto concerne i fondi hedge, che dovrebbero riconquistare fiducia.

Giuseppe Raso

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*