Forex: Cambio Euro Dollaro oggi 15 Ottobre, ancora giù dopo i dati USA

Continua la salita del biglietto verde dopo l’intervento di ieri di Janet Yellen. La divisa americana sempre vicina ai massimi di sette mesi, in apprezzamento contro tutte le principali valute rivali. Rafforzamento dovuto anche ai dati positivi sul consumo. Vendite al dettaglio e indice dei prezzi alla produzione in rialzo. Cambio Euro Dollaro attualmente a 1,0972, in ribasso dello 0,78%. Sale dello 0,29% anche l’indice del dollaro USA che replica l’andamento della moneta.

Forex Cambio Euro Dollaro oggi 15 Ottobre ancora giù dopo i dati USA

Forex: Cambio Euro Dollaro, le parole di Janet Yellen

La numero uno della Federal Reserve ha rilasciato ieri, come previsto, alcune dichiarazioni. La Yellen ha subito voluto specificare che l’istituto potrebbe doversi occupare di un’economia ad “alta pressione”.

La crisi, inevitabilmente, ha causato dei danni all’economia statunitense. Se non si interviene nel modo corretto, tali danni potrebbero risultare permanenti.

Nessun riferimento specifico al rialzo dei tassi di interesse. Tuttavia, la Yellen ha lasciato intendere che FED potrebbe intervenire in modo “aggressivo” per ricostruire il potenziale economico USA.

Nell’ambito dell’evento regionale organizzato a Boston, la numero uno di FED ha detto che: “L’influenza delle condizioni del mercato del lavoro sull’inflazione in anni recenti sembra essere piu’ debole di quanto sia stato prima della crisi finanziaria”.

Yellen ha spiegato che la crisi ha spinto le banche a comportarsi diversamente rispetto al passato. Di conseguenza, è diminuita la domanda aggregata, e ciò spinge al ribasso la partecipazione della forza lavoro e gli investimenti.

Ne deriva il timore del raggiungimento di una condizione che la stessa Yellen definisce “isteresi”. L’obiettivo di FED è quello di provare a cambiare rotta. L’economia ad “alta pressione” presuppone una domanda aggregata forte e un mercato del lavoro ristretto.

La Yellen si è anche detta convinta che il ruolo della FED sia cruciale, specificando che: “Ricerche da parte dello staff della Fed suggeriscono che gli effetti della politica monetaria Usa sulle altre economie sono positivi, nel senso che le politiche pensate per fornire stimolo all’economia Usa spingono l’attività anche all’estero”.

Dollaro: i dati USA sui consumi

L’ottimismo sul biglietto verde deriva anche da un’altra tranche di dati positivi. Le vendite al dettaglio sono salite dello 0,6% a Settembre. Anche le vendite al dettaglio core sono aumentate e più precisamente dello 0,5%, contro lo 0,4% delle attese.

L’indice dei prezzi alla produzione è salito dello 0,3%, mentre l’indice dei prezzi alla produzione core è aumentato dello 0,2%. Anche qui il risultato è migliore delle aspettative.

Cambio Euro Dollaro che quindi scende ancora, con gli investitori propensi attualmente alla vendita, sia nel breve che nel medio e lungo periodo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*