Forex: Cambio Euro Sterlina oggi 15 Ottobre, mercati nervosi

Recupera lievemente il Pound britannico sulla moneta comunitaria. Dopo il crollo inarrestabile dei giorni scorsi, la valuta inglese tenta di resistere, complice il nervosismo dei mercati. Cambio Euro Sterlina attualmente a 0,9003, in ribasso dello 0,22%. La vendita della coppia EUR/GPB è preferita per la scadenza breve. Acquisto sempre indicato per il lungo periodo. Molti analisti continuano a credere all’Hard Brexit che potrebbe portare la Sterlina a nuovi minimi.

Forex Cambio Euro Sterlina oggi 15 Ottobre mercati nervosi

Forex: Cambio Euro Sterlina, il deprezzamento del Pound

La situazione dell’Inghilterra post Brexit è forse più grave delle attese. Ad illudere i mercati, una sorta di limbo creatosi da Giugno in poi. Fino all’annuncio di Theresa May dell’imminente applicazione dell’articolo 50. Oltretutto con intenzioni drastiche.

Secondo alcuni analisti, un dato importante sinora sottovalutato è che i salari medi reali britannici sono calati del 10,4% tra il 2007 e il 2015. Si tratta del peggior risultato Ocse, eguagliato solo dalla Grecia.

Ciò che spinge i mercati ad essere particolarmente nervosi contro la sterlina è il surplus dei servizi finanziari. Se il divorzio dall’UE dovesse svolgersi secondo la politica isolazionista del primo ministro britannico, il Regno Unito direbbe addio al mercato unico. Ciò significherebbe il crollo anche di quel surplus.

L’unica soluzione per la Gran Bretagna sarebbe puntare sul settore manifatturiero e le esportazioni. Ma inevitabilmente a subirne le prime conseguenze sarebbero ancora i salari dei sudditi di Sua Maestà. E il turismo, come è già appurato, non basta.

Alternativamente, Londra potrebbe procedere in stile Norvegia o Svizzera. Nel primo caso si dovrebbe continuare a pagare l’UE senza alcun beneficio politico e mantenendo solo l’accesso al mercato unico. Nel secondo caso si potrebbe avere una piccola voce in capitolo, ma subendo le condizioni dell’Eurogruppo per la politica interna.

Da qualsiasi punto di vista la si guardi, la Brexit non può che essere Hard.

BCE: pronti interventi flessibili

Sul fronte europeo, la situazione non è tanto migliore. La Banca Centrale capeggiata da Mario Draghi si trova a dover fronteggiare diverse situazioni critiche.

Al vaglio dei vertici dell’Eurogruppo ci sono svariate opzioni. Tra queste, la possibilità di gestire l’acquisto di titoli in base alle necessità dei singoli Stati membri. Un po’ come sta facendo la Banca del Giappone.

Ad ogni modo, il momento di prendere decisioni per il prossimo anno ormai alle porte è arrivato. L’emergenza riguarda soprattutto le economie più deboli, come proprio l’Italia. Per ora, l’istituto centrale europeo continua a confermare il QE fino a Marzo.

Cambio Euro Sterlina che potrebbe dunque avere un destino piuttosto travagliato. Sicuramente così sarà nella prima parte del 2017.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*