Forex: Cambio Euro Sterlina oggi 18 Ottobre, Pound debole

L’indice dei prezzi al consumo è salito al massimo di due anni in Gran Bretagna. I dati di questa mattina mostrano un aumento oltre le aspettative. L’inflazione del Regno Unito rimane sotto il 2%. Il Governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney è ora chiamato a prendere provvedimenti insieme al governo. Il cambio Euro Sterlina di quest’oggi vede dunque ancora il Pound piuttosto debole contro le principali valute rivali. I dati hanno inoltre mostrato che l’indice dei prezzi delle case è salito dell’8,4%.

Forex Cambio Euro Sterlina oggi 18 Ottobre Pound debole

Forex: Cambio Euro Sterlina, pressioni sul Governo britannico

Il forte calo della sterlina sembra un chiaro messaggio al Governo. I 14 punti percentuali persi necessitano di un intervento. Eppure i Ministri inglesi sembrano ancora non sapere come reagire.

Tutto è iniziato il 2 Ottobre, quando Theresa May ha annunciato l’applicazione dell’articolo 50, con parole dure. Brexit sia. E molto probabilmente sarà Hard Brexit.

Il Ministro degli Interni Amber Rudd ha poi supportato le intenzioni della May, favorendo la proposta del governo di censire i lavoratori stranieri.

La visione politica del Primo Ministro è tutta incentrata sui sudditi di Sua Maestà. In particolare sui milioni di cittadini inglesi in cerca di stabilità economica.

Tra il 6 e il 7 Ottobre la valuta britannica è stata poi messa alla prova da un flash crash, derivante tuttavia da un errore del sistema di algoritmi del Forex.

Recupero temporaneo, ma il crollo continua. Gli analisti prevedono che nel 2017 la sterlina si assesterà sulla piena parità con l’Euro. Diverse fasi attendono il cambiamento economico del Regno Unito e per gli esperti si tratterà di qualcosa di molto simile al “lutto”.

Già diversi gruppi finanziari stanno iniziando o meditando il trasferimento dei propri capitali altrove. Tutto porta ad un’unica conclusione: è il momento di intervenire.

Ryanair: crescita in ribasso a causa della Brexit

Una delle aziende più danneggiate dal calo del Pound britannico sembra essere la compagnia aerea Ryanair.

La società taglia le stime sulla crescita degli utili. Inizialmente, la percentuale dei profitti per il 2016 doveva aggirarsi intorno al 14%. Ora il bilancio indica che probabilmente i guadagni dell’azienda saranno solo del 7%.

L’amministratore delegato Michael O’Leary non esclude un’ulteriore revisione al ribasso. Tradotto in cifre si parla di un’utile netto di 1,3 miliardi contro la previsione di oltre 1,4 miliardi.

Cambio Euro Sterlina che si attesta attualmente a 0,8972, con la vendita preferita ancora in massa per il lungo periodo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*