Fs, l’a.d. Moretti: “Stipendi ridotti? Molti manager via dall’Italia”

mauro-morettiIl premier italiano Matteo Renzi ha annunciato un nuovo provvedimento: ridurre il tetto dello stipendio dei manager pubblici. Una promessa, che ben presto dovrebbe trasformarsi in realtà: Renzi infatti è al lavoro con i suoi ministri per mettere un freno agli stipendi così alti dei manager. “Resisteranno a parole ma poi ovviamente è naturale che le cose cambino, non è possibile che l’Ad di una società guadagni 1000 volte in più dell’ultimo operaio, torniamo ad un principio di giustizia sociale. Noi non molliamo” ha dichiarato Renzi al Tg1. Non è tardata ad arrivare la replica dei diretti interessati: il primo ad esporsi è stato l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti. L’a.d di FS non è d’accordo con questa politica del governo Renzi. Il piano è quello di tagliare gli stipendi dei super-manager dello Stato, ma è chiaro che a cascata si arriverà anche agli stipendi degli a.d. delle principali aziende legate allo Stato italiano, FS inclusa. Moretti ha però evidenziato un punto: il paragone con gli stipendi all’estero non regge, dunque è possibile che un taglio degli stipendi possa allontanare dall’Italia i migliori manager. “Lo Stato può fare quello che desidera, sconterà che una buona parte di manager vada via, lo deve mettere in conto”, ha sottolineato Moretti.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*