E’ stato intervistato nei giorni scorsi, su Rai Tre, da Fabio Fazio nella sua trasmissione “Che tempo che fa”, l’ex ministro dell’Economia del governo Berlusconi, Giulio Tremonti. Una lunga chiaccherata ripercorrendo periodi del governo precedente e analizzando i nuovi equilibri europei e le scelte del governo Monti. Tremonti si è tolto qualche sassolino dalla scarpa ma sopratutto ha analizzato a mente fredda alcune situazioni passate. “Per tre anni abbiamo fatto la politica di bilancio più seria d’Europa. Abbiamo avuto in questi anni una media dello spread che andava da 120 a 140. Poi tutto è esploso perchè è stata degradata l’America e si è scatenata la guerra sui debiti pubblici. Da agosto in poi si poteva fare qualcosa di più e di diverso” chiarisce l’ex ministro dell’Economia, che poi punta all’analisi dell’economia europea e delle scelte del primo ministro italiano, Mario Monti. “La dimensione della crisi è globale ed europea. Sui mercati i soldi che girano sono pochi e molti sono della Bce, per adesso l’aspetto più importante è quello della stabilità” spiega Tremonti, che dunque sostiene il governo Monti. Ma l’ex ministro poi lancia un attacco alla Germania, rea di essere un po’ troppo egoista. “Gli eurobond sono stati una proposta italiana fin dal 2003. La Germania? Finché pensa che le cose le vadano bene sarà ostile. Quando il fuoco lambirà qualche birreria penserà che la soluzione può essere solo comune. l problema della Germania non è solo l’egoismo, sono anche le paure del passato e i fantasmi del futuro” conclude l’ex ministro dell’economia, Giulio Tremonti.

Pietro Gugliotta

RICEVI SUBITO L’ACCESSO 

EBOOK GRATUITO 

CORSI DI TRADING

SEGNALI DI TRADING GRATUITI 

TRADING CENTER