Grecia, il Paese è in ginocchio: disoccupazione al 23.1%

Non accenna a diminuire la crisi economica che ha colpito in questi mesi la Grecia. Il paese ellenico è davvero in ginocchio: l’economia non riesce a decollare, il mondo del lavoro è forte crisi e non si creano posti di lavoro. Così la disoccupazione della Grecia tocca quota 23.1% nel mese di luglio: lo scorso maggio, quando la crisi era appena agli inizi, la Grecia mostra una disoccupazione al 16.8%, dunque c’è stato un aumento dei disoccupati molto elevato in questi dodici mesi. A preoccupare maggiormente è il dato relativo alla disoccupazione giovanile: il 54.9% dei giovani greci, con età inferiore ai 25 anni, è disoccupato. Il tasso di disoccupazione giovanile è altissimo, supera perfino il dato spagnolo (53.2%): più di un giovane su due non riesce a lavorare. In questi giorni, il governo greco ha proposto diverse soluzioni, ma una più di tutte ha fatto discutere, perchè potrebbe aumentare inevitabilmente il tasso dei disoccupati. Il premier Antonis Samaras vorrebbe attivare la “riserva pubblica”: il piano prevede due anni di cassa integrazione per 40-50mila dipendendi statali, che verrebbero pagati per due anni con il 60% dello stipendio. Dopo questi 24 mesi, il sussidio si interrompe: dunque se non hanno trovato un lavoro, resteranno disoccupati. Una soluzione bocciata da più parti, ma che avrebbe permesso al governo greco di risparmiare diversi milioni di euro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*