Grecia, il premier afferma: “Referendum per decidere se accettare il piano di aiuti Ue”

E’ arrivato ieri un annuncio choc da Atene: il premier greco George Papandreou ha spiazzato tutti, annunciando che per accettare in maniera definitiva il piano di aiuti proposto dall’Unione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale, dovrà convocare un referendum nei prossimi mesi per chiedere l’autorizzazione ai cittadini greci. Una notizia che ha portato scompiglio all’interno di tutti i paesi europei, Italia compresa, e sopratutto sui mercati: le Borse hanno fatto segnar gravi perdite, con la Piazza Affari in forte flessione. Secondo i primi sondaggi infatti, il popolo greco non vorrebbe questo piano di aiuti, perchè comporterebbe sacrifici molto pesanti: si parla di un taglio agli stipendi pubblici del 20%, stesso taglio del 20% anche per le pensioni ed un taglio di 60 mila lavoratori della pubblica amministrazione. Sembra quasi che in caso di referendum bocciato, Papandreou sarebbe inoltre costretto a dimettersi e a convocare nuove elezioni. Ma la situazione bancaria della Grecia è troppo negativa, il paese ellenico ha in cassa abbastanza soldi per poter arrivare a metà gennaio, con il referendum bocciato il premier ellenico dovrebbe dichiarare bancarotta. “Io credo nei miei concittadini e nel loro buon senso. Tra pochi giorni l’accordo con la Troika sarà un contratto definitivo e tocca al paese dire se lo accetta o no” – ha detto il premier ellenico. Di sicuro è una situazione insostenibile che potrebbe trascinare giù anche quei paesi già incerti economicamente.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*