Grecia, manca l’accordo sul nome del nuovo premier

Se in Italia la situazione politica ed economica sta prendendo una brutta piega, in Grecia non va meglio: il paese ellenico è sull’orlo del fallimento e la situazione politica non è delle migliori. Dopo la minaccia di un referendum per l’approvazione degli aiuti comunitari, il premier Papandreou ha passato la mano, adesso tocca al presidente greco Karol Papoulias cercare una intesa per trovare il nome del nuovo premier. Non è facile, i primi tre giorni di colloqui hanno portato ad una fumata nera: nessun accordo ancora. Il nome che sembrava essere appoggiato da una più ampia maggioranza era quello di Philippos Petsalnikos, ma la Neo Democratia si è opposta alla nomina. Il premier uscente Papandreou, intervistato, ha confermato in ogni caso il massimo impegno della Grecia per restare dentro l’Euro. “Applicheremo il piano di salvataggio deciso dalla Ue. Nonostante la diversità di opinione abbiamo formato un nuovo governo. Le forze politiche della Grecia hanno trovato un accordo per portare il Paese fuori dalla crisi” dichiara il premier uscente, che ha parlato di nuovo governo ma non ha formulato un nome per la sua successione. Nonostante al momento il nome del socialista Philippos Petsalnikos, attuale presidente della Camera greca, sia stato bocciato, sembra proprio lui il favorito per la successione a Papandreou, dato che l’ex primo ministro aveva parlato della possibilità di una scelta che sarebbe caduta su una figura istituzionale. Vedremo nelle prossime ore se i partiti greci riusciranno a trovare un accordo sul nome del nuovo primo ministro.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*