Grilli e Monti concordi: “Nel 2013 ci sarà il pareggio di bilancio”

In una riunione tenutasi a Parigi, il ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, ha potuto discutere col suo omologo francese, Pierre Moscovici. L’incontro è servito per discutere dell’economia francese ed italiana, in particolare delle ultime rilevazioni dell’Istat, che parlano di un nuovo rallentamento del Pil nel nostro Paese. “Non ritengo necessari ulteriori aggiustamenti di bilancio. I dati di oggi riflettono il rallentamento globale dell’economia, la congiuntura è stata negativa nel primo semestre, speriamo migliori nel secondo, in ogni caso gli obiettivi di bilancio sono stati definiti in termini strutturali, cioè al netto degli effetti del ciclo economico” spiega Grilli in conferenza stampa. A garantire la stabilità economica del nostro paese, prosegue poi Grilli, ci sono due veri e propri pilastri: l’azione congiunta della Bce (Banca Centrale Europea) e dell’Unione Europea, oltre ad un prossimo pacchetto di riforme che il Governo vuole approvare in tempi brevi. Su questi due pilastri, l’Italia vuole tornare a crescere. Della stessa idea, anche il premier Mario Monti, che dall’Italia ha aggiunto una interessante ed ottimistica previsione. “L’Italia sarà uno dei primi paesi nell’Unione Europea a raggiungere l’equilibrio di bilancio. E’ vero che abbiamo un elevato rapporto debito/pil ereditato dal passato. ma lo ridurremo gradualmente” spiega Monti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*