Il Consiglio dei Ministri approva il Piano per il Sud: in arrivo 100 miliardi

E’ stato approvato ieri dal Consiglio dei Ministri, il Piano per il Sud: si tratta di un progetto atto a sviluppare trasporti, edilizia scolastica, rafforzerà la giustizia e la sicurezza e sopratutto farà partire la creazione della Banca del Sud. Sinteticamente il piano per il Sud è rappresentato da questi punti, un investimento totale di 100 miliardi di euro. Raffaele Fitto, ministro degli Affari Regionali, ha spiegato in conferenza stampa la ripartizione dei soldi. “Si parte dalla ricognizione che ha individuato 16 miliardi a luglio e con lo sblocco dei piani attuativi regionali relativi ai fondi Fas si arriva intorno ai 24 miliardi. A queste risorse vanno aggiunti i fondi strutturali europei per un totale di 100 miliardi”. Chiaramente per trovare queste energie economiche c’è il bisogno di un riassetto finanziario: come ha spiegato il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, “è necessaria una concentrazione di tutte le risorse. Le risorse finanziarie sono di grande e crescente rilevanza e i trasferimenti europei nei prossimi anni sono attesi in ascesa”. Secondo Tremonti il problema del Sud non è la mancanza di fondi, quanto il loro cattivo utilizzo. Secondo il premier Silvio Berlusconi, questo Piano per il Sud farà da contraltare al Federalismo. Raffaele Fitto, ha poi spiegato che il Piano per il Sud è stato accompagnato da due decreti ed una delibera Cipe: adesso toccherà alla Regioni sfruttare bene questi fondi. Infatti le regioni del Sud verranno responsabilizzate maggiormente, in questo senso il Ministro Fitto ha confermato che ci sarà un dialogo maggiore fra Stato e Regioni.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*