Inflazione, a luglio scende al 3%

Frenata contenuta per il tasso di inflazione in Italia nel mese di giugno: l’inflazione è passata dal 3.3% di giugno al 3% di luglio. A preoccupare gli italiani però c’è il cosidetto carrello della spesa: la lista dei prodotti che gli italiani acquistano con maggiore frequenza. Il costo degli elementi del carrello della spesa è in crescita del +4% su base annua, addirittura più alto del tasso di inflazione: le stime provvisorie dell’Istat parlano di un calo mensile dello 0.5%. Finalmente scendono i prezzi dei carburanti: rispetto a giugno, la benzina è in calo dello -0.8%, così come il gasolio scende del -1.2%. E’ però vero che a livello annuo, sia gasolio che benzina fanno ancora segnare aumenti in doppia cifra: la verde è in crescita del 12.6%, mentre il diesel è in crescita del 14.2%. Dati comunque in flessione rispetto a quelli calcolati nel mese di giugno. Tornando all’inflazione, l’Istat spiega come l’inflazione di fondo, sia stabile al 2.2%: si tratta del tasso di inflazione al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi. L’inflazione al netto dei soli beni energetici, si attesta al 2.3%. In Europa le cose non vanno meglio: la stima sull’inflazione dell’Eurozona si attesta al 2.4%, il dato è stabile ma verrà confermato dai dati ufficiali di agosto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*