Istat, in Italia crescono inflazione, import ed export

Secondo i dati Istat, l’inflazione in Italia nel mese di marzo è in crescita. Infatti il costo della vita è aumentato dello 0,3% rispetto al mese di febbraio 2010, mentre rispetto all’anno scorso, il dato aumenta dell’1,4%. E’ il valore più alto da febbraio 2008, quando il dato fece segnare un +1,6%.
Febbraio 2010 ha segnato anche una deficit di 2,332 miliardi nella bilancia commerciale complessiva. Il saldo con i Paesi dell’Unione Europea, ha segnato un deficit di 710 milioni, dato peggio dello stesso mese del 2009. Aumentano, con dei dati che sono i migliori da settembre 2008, le esportazioni del 7,3% e le importazioni del 12,9%.

Approfondendo i dati nel dettaglio, si nota – come spiega l’Istat – che le esportazioni verso i Paesi UE sono aumentate dell’11%, mentre l’aumento dell’export verso i Paesi extracomunitari, si attesta al 2,3%.
Per ciò che riguarda le importazioni, il flusso dai Paesi extracomunitari è in aumento del 10,4%, mentre le importazioni dai Paesi Europei sono cresciute del 14,9%. Prendendo in considerazione i dati destagionalizzati, l’Istat ci fa notare che le esportazioni complessive, a livello congiunturale, sono aumentate del 2,5% ( +2,6% per ciò che riguarda i Paesi extracomunitari, +2,5 per i Paesi Ue) mentre le importazioni crescono, sempre a livello congiunturale, del 3,6%, nel dettaglio, +2,7 dai Paesi Ue e +4,7 dai Paesi extra Ue.
I settori che più hanno spinto l’aumento delle esportazioni sono quelli petroliferi raffinati, prodotti chimici, coke; in diminuzione abbigliamento e mobili. Per ciò che riguarda le importazioni, in aumento petrolio greggio, diminuiscono gl iarrivi di gas naturale.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*