Istat, l’inflazione sale al 2.7%, livelli massimi da novembre 2008

Nuova pubblicazione dell’Istat, stavolta riguardante il dato dell’inflazione. In Italia, secondo i dati dell’Istituto nazionale di Statistica, nel mese di giugno l’inflazione è salita dello 0.1%, rispetto al mese precedente (maggio 2011). Le stime attualmente sono provvisorie, il dato del tasso dell’aumento dei prezzi si è attestato al 2.7%, il livello massimo dal novembre del 2008. A favorire la corsa dell’inflazione, c’è sicuramente l’aumento dei costi dei trasporti: infatti a giugno sono cresciuti in maniera importante i prezzi di aerei, traghetti e treni. Nell’ordine, il prezzo di un biglietto aereo è aumentato in media del 6.9%, su base congiunturale, mentre su base annua l’aumento cresce al 13.8%. Seguendo, l’aumento maggiore è quello dei servizi del trasporto marittimo e per vie di acque interne che aumenta del 52.8% rispetto a giugno 2010. Rialzi più contenuti per i treni: il prezzo dei biglietti del trasporto ferroviario infatti è cresciuto dell’8.4% rispetto a dodici mesi fa. A contribuire in maniera importante all’inflazione, c’è sicuramente il fattore carburanti: il prezzo della benzina a giugno è aumentato dell’11.0% rispetto al mese precedente, mentre dell’11.9% rispetto al giugno del 2010; il gasolio invece subisce un aumento maggiore, del 14.0% rispetto a dodici mesi fa, mentre l’aumento rispetto a maggio 2011 è del 15.1%. In aumento il prezzo dei servizi ricettivi: aumentano campeggi (+14.4%), le pensioni (+2.0%), gli stabilimenti balneari (+3.5%).

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*