Istat, l’inflazione sale dello 0.2%

L’Istituto nazionale di Statistica ha prodotto lo studio definitivo sui dati dell’inflazione in Italia nel mese di ottobre. I dati non si discostano molto dalle prime anticipazioni uscita fine mese. Infatti l’Istat segnala come l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (comprensivo dei tabacchi) si è attestato a 140.4, con una variazione di + 0.2% rispetto a settembre 2010, mentre la variazione è più ampia, + 1.7%, se presa in considerazione l’elaborazione dati di ottobre 2009. Il dato dell’indice, al netto dei tabacchi, è pari a 139.6, mentre le variazioni percentuali rispetto a settembre 2010 (+ 0.2%) e ottobre 2009 (+ 1.7%) restano identiche. L’Istat riporta inoltre il dato IPCA, ossia l’indice armonizzato dei prezzi al consumo. Secondo l’Istituto nazionale di Statistica, l’indice IPCA nel mese di ottobre si è attestato a 111.8, con una variazione positiva dello 0.7% rispetto al mese di settembre 2010, mentre la variazione in termini tendenziali (ossia rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) è di + 2.0%. Tornando all’indice nazionale dei prezzi al consumo, l’Istat stila una graduatoria dei prodotti ceh sono aumentati maggiormente nel corso dell’ultimo mese. “Gli aumenti congiunturali più significativi sono stati rilevati per i capitoli Bevande alcoliche e tabacchi (più 1,6 per cento), Istruzione (più 1,1 per cento) e Ricreazione, spettacoli e cultura (più 0,6 per cento)” si legge nel comunicato Istat, che prosegue con gli aumenti maggiori in rapporto allo stesso periodo dell’anno precedente. “Gli incrementi tendenziali più elevati si sono registrati nei capitoli Bevande alcoliche e tabacchi e Trasporti (per entrambi più 3,9 per cento), Altri beni e servizi (più 3,6 per cento) e Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (più 2,7 per cento)”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*