Istat, nell’ultimo trimeste 2010 calano le compravendite di case e mutui

Dopo l’andamento positivo che i mutui e le compravendite avevano avuto nei primi sei mesi del 2010, l’Istat ha riscontrato una flessione nel terzo trimestre dell’anno che si è da poco concluso. Infatti nel periodo compreso fra luglio e settembre, l’Istat ha riscontrato una diminuzione delle compravendite pari al 3.4%, rispetto allo stesso periodo del 2009, mentre la flessione per ciò che riguarda la stipula dei mutui per l’acquisto di un immobile, questa quota è scesa dell’1.9% rispetto al periodo luglio – settembre 2009. “Il 93,6 per cento delle convenzioni effettuate nel periodo considerato, pari a 158.122, riguarda immobili ad uso abitazione ed accessori – si legge nella nota pubblicata dall’Istat sul proprio portale – il 5,7 per cento (9.659) unità immobiliari ad uso economico. Per la prima tipologia, dopo un periodo di risalita, si rileva una diminuzione tendenziale del 2,7 per cento”. L’Istat sottolinea come le compravendite di immobili ad uso economico, che hanno subito una flessione  pari all’11.6 per cento, abbiano accentuato l’andamento negativo che aveva caratterizzato anche i primi due trimestri del 2010. “Si segnala inoltre – prosegue l’Istat –  che il numero di compravendite di immobili ad uso economico stipulate nel terzo trimestre 2010 è il più basso dal 1997″. Nonostante questi dati siano comunque negativi, analizzando nel complesso i dati dei primi nove mesi dell’anno 2010, si scopre come  il numero delle compravendite stipulate in questo periodo, pari a 586.801, è in leggero aumento (+0,6 per cento) rispetto a quello registrato nello stesso periodo del 2009, quando le compravendite raggiunsero quota 583.459.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*