Istat, produzione industriale in calo a settembre

L’Istituto nazionale di Statistica ha pubblicato il rapporto sulla produzione industriale in Italia, nel mese di Settembre 2010. I dati non sono positivi perchè l’Istat segnala come a settembre, in rapporto al mese di agosto, la produzione è scesa del 2.1%. Correggendo l’indice, in base agli effetti del calendario, a settembre l’aumento dell’indice di produzione è del 4.1%, mentre prendendo in rapporto i primi nove mesi del 2009, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, si nota come l’aumento è del 5.7%, ma l’Istat fa notare come ci sia un giorno lavorativo in più, 190 nel 2009 e 191 nel 2010. “L’indice grezzo della produzione industriale – si legge nel comunicato Istat – ha registrato un aumento del 4,1 per cento rispetto a settembre 2009. Nel confronto tendenziale relativo al periodo gennaio-settembre, l’indice è aumentato del 6,0 per cento”. Passando una analisi più dettagliata, in base ai vari settori industriali, si nota come tutte le principali categorie facciano segnare dati negativi. E’ il caso dei beni strumentali (- 3.7%), o dell’energia (- 2.6%), o ancora i beni intermedi (- 1.8%); male anche il beni di consumo, che perdono rispettivamente il 6.6% per quello che riguarda i beni durevoli, mentre i beni non durevoli calano dello 0.9%. L’indice di produzione industriale, in confronto al settembre 2009, fa segnare un aumento dell’11.5% per quello che riguarda i beni strumentali, mentre i beni intermedi crescono del più 3.9%. Dati negativi per energia e beni di consumo: “variazioni negative si registrano invece per l’energia (meno 1,4 per cento) e per i beni di consumo (meno 0,3 per cento il totale, più 1,5 per cento i beni non durevoli, meno 8,6 per cento i beni durevoli)”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*