Istat, senza posto fisso quasi 3 milioni di lavoratori italiani

L’Istituto nazionale di Statistica ha pubblicato i dati relativi al terzo trimestre del 2011: l’argomento in questione è il mondo del lavoro. Secondo l’Istat un giovane su due è occupato a tempo determinato, mentre sono quasi tre milioni i lavoratori italiani che non hanno un posto di lavoro a tempo indeterminato. In Italia infatti ci sono 2.36 milioni di dipendenti a tempo determinato, ai quali vanno a sommarsi i 385 mila collaboratori: il totale indica come 2.74 milioni di lavoratori italiani siano impiegati a tempo determinato, coloro che vengono denominati lavoratori atipici, senza posto fisso. Per quello che riguarda i giovani, ossia compresi nella fascia di età fra 15 e 24 anni, il 46.7% risulta dipendente a tempo determinato. Se prendiamo in considerazione le altre fasce d’età, capiamo come siano i giovani la categoria più impegnata a tempo determinato: infatti la fascia di età fra i 25 ed i 35 anni è impegnata al 18% a tempo determinato, la cifra scende all’8.3% se consideriamo la fascia d’età compresa fra 35 e 54 anni. L’Istat conferma come si tratti di dati piuttosto parziali, perchè è difficile risalire al lavoro sommerso, dunque effettuare una stima precisa ed ufficiale sul precariato è davvero molto difficile. Ma possiamo comunque immaginare che la quota di giovani impiegati a tempo determinato sia molto più alta di quella raccolta dall’Istat.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*