Italia, sempre meno investimenti nel mattone

La crisi economica che colpisce l’Europa fa vittime illustri anche in Italia. Uno degli investimenti per eccellenza del nostro paese, il mattone, infatti soffre questo particolare periodo economico. Gli italiani intervistati dall’ultima ricerca dell’Osservatorio Censis-Abi, sono meno propensi ad investire sulla casa. Il 36% degli italiani infatti sostiene che è meglio mantenere una buona liquidità in questo momento di crisi, sospendendo ogni investimento e rinviandolo ad un momento economico migliore. Invece solo il 17% degli italiani investirebbe i propri risparmi nell’acquisto di una casa: un dato dimezzato, se pensiamo che lo scorso anno, la stessa opzione era stata voltata dal 33.5% del campione analizzato dall’Osservatorio Censis-Abi. Analizzando meglio il dato, emerge una problematica importante: gli italiani ritengono che il prezzo degli immobili sia in calo, dunque si avverte una scarsa fiducia nel mercato immobiliare. Questa mancanza di fiducia si converte nei dati di cui abbiamo discusso prima, dunque sempre meno italiani vorrebbero investire nel mattone. In ogni caso, resta comunque molto alta la percentuale di italiani con una casa di proprietà: si parla di un 81%, un valore altissimo e quasi senza rivali in Europa (la Spagna ci supera con l’83%). Infatti all’estero va molto di moda la tendenza dell’affitto dell’immobile: solo il 46% dei tedeschi ha una casa di proprietà, stesso discorso per i francesi che toccano quota 61%. Neanche l’arrivo della nuova tassa Imu sta scoraggiando gli italiani, che decidono di mantenere la propria abitazione, preferendola alla possibilità di vivere in affitto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*