Italpetroli passerà a Unicredit, vola il titolo As Roma

Il titolo dell’As Roma prende il volo: infatti in seguito alle voci che riguardano l’attesa vendita della società all‘Unicredit, il titolo della società calcistica giallorossa ieri ha avuto un rialzo del 7.17%, raggiungendo quota 0.971 euro per ogni azione. L’Italpetroli, la holding della famiglia Sensi che controlla la squadra della Capitale, dovrebbe venire acquisita dalla Unicredit nei prossimi giorni. Il passaggio di consegna sarebbe dovuto arrivare nella giornata di ieri, ma è slittato a giovedi, quando i legali della Unicredit e di Italpetroli si riuniranno per definire i dettagli. Italpetroli ha comunicato in una nota ufficiale che “l’udienza tenutasi in data 5 luglio 2010 è stata sospesa per l’ora tarda ed aggiornata alle ore 18 dell’8 luglio 2010 al fine della prosecuzione del tentativo di conciliazione”. Cosa comprende l’accordo? L’Unicredit verrà rimborsata del credito che vanta dalla società della famiglia Sensi e da Mps, per un valore totale di circa 400 milioni. Ciò comporterà il trasferimento alla banca del 51% di Italpetroli, società di cui possiede già il 49%. Essendo la Roma controllata da Italpetroli, anche la squadra giallorossa passerà a Unicredit. Secondo alcune indiscrezioni, Rosella Sensi, attuale presidente del club, resterà alla presidenza e gestirà la campagna acquisti e vendite fino a quando il club non verrà ceduto dall’istituto milanese. L’As Roma nella tarda serata di ieri ha pubblicato sul proprio sito un comunicato ufficiale, richiesto dalla Consob. “Con riferimento al procedimento arbitrale promosso da Compagnia Italpetroli S.p.A. nei confronti di Unicredit, Compagnia Italpetroli, su espressa richiesta della CONSOB, comunica che l’udienza tenutasi in data 5 luglio 2010 è stata sospesa per l’ora tarda ed aggiornata alle ore 18.00 dell’8 luglio 2010 al fine della prosecuzione del tentativo di conciliazione”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*