Juncker: “Spagna, Italia e Belgio non sono a rischio”

Il presidente dell’Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, ha rilasciato una interessante intervista al magazine tedesco Focus, dove parla in maniera comunque positiva del futuro dell’economia europea. Infatti Juncker non vede ulteriori problemi nella crisi greca, che al contrario sembra in via di risoluzione e pensa inoltre che i paesi come Spagna, Italia e Belgio non possano essere contagiati. “Il pacchetto di misure approvato da Atene porterà una soluzione ai problemi della Grecia, che ha bisogno di un impulso congiunturale e di sviluppare il suo potenziale di crescita. Anche le imprese di altre aree dell’Eurozona dovrebbero contribuire e impegnarsi. La sovranità di Atene, costretta ad avvalersi degli aiuti, sarà massicciamente limitata” spiega il presidente dell’Eurogruppo, Jean-Claude Juncker. Lo stesso Juncker poi parla in maniera positiva anche di Portogallo e Irlanda: i due paesi sarebbero sulla strada del ritorno ai mercati, dunque per loro nessun problema. “Non vedo rischi per Spagna, Italia e Belgioprosegue Juncker, che dunque non hanno subito gli influssi negativi della crisi greca. Le parole di Juncker non arrivano a caso: infatti sono state rilasciate il giorno dopo il via libera alla tranche di aiuti da 12 miliardi, di cui 8.7 finanziati dall’Europa, che saranno sbloccati dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) il prossimo 8 luglio. L’11 luglio si riunirà l’Eurogruppo, ed il 12 l’Ecofin: le due organizzazioni dovranno porre le basi per la creazione del secondo piano di salvataggio, un finanziamento aggiuntivo per il paese greco.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*