volvoLa crisi finanziaria ed economica ha costretto molte grandi aziende e banche, soprattutto statunitensi, a dichiarare fallimento.
La Ford, storico marchio automobilistico degli USA, è costretta a vendere ancora per non cadere in questa rete. Dopo aver ceduto i marchi Jaguar e Land Rover al gruppo indiano Tata, questa volta, è costretta ancora a cedere aziende controllate ed acquisite nel corso degli ultimi decenni: è giunta l’ora della svedese Volvo, per la quale la Ford ha ricevuto un’offerta di 334 milioni di dollari dal gruppo automobilistico cinese Jeely.

[ad]

RICEVI SUBITO L’ACCESSO 

EBOOK GRATUITO 

CORSI DI TRADING

SEGNALI DI TRADING GRATUITI 

TRADING CENTER

 

Per far sì che questa grossa manovra finanziaria possa concretizzarsi, bisognerà attendere il consenso della banca Goldman Sachs, che dovrà comprare obbligazioni e warrant da Jeely. Se, poi, la famosa banca d’affari deciderà di convertirle in azioni, si troverà a controllare oltre il 15 % della casa autobilistica cinese e della sua neonata controllata: la Volvo.

A voi lettori, una domanda: i paesi emergenti asiatici, Cina ed India, risentono della crisi economica? Come mai riescono a comprare facilmente storici marchi americani ed europei? E pensare che proprio del governo cinese non si possa dire che adotti delle politiche capitalistiche!