LiteCoin: tensioni interne

Prezzo LiteCoin in netto calo nelle ultime 24 ore. La coppia LTC/USD è scesa di oltre il 10% e viene attualmente scambiata a 142 dollari. Graficamente parlando, il recente ribasso è evidentemente drastico. Con la moneta che in poche ore ha perso oltre 17 punti. Nella sessione odierna, il token si è spinto anche al di sotto di 140 dollari. Salvo poi correggere immediatamente. Cerchiamo di capire il motivi del calo.

LiteCoin: LitePay si ferma e Charlie Lee si scusa

Il processore di pagamenti LitePay ha cessato le operazioni, e la notizia si è diffusa nella giornata di ieri. Da quel momento, la valuta ha subito un forte deprezzamento.

La piattaforma sarebbe dovuta entrare in funzione il 26 febbraio. Al contrario, in una mail inviata il 5 marzo, la start-up creatrice del progetto ha annunciato lo stop all’avvio. Sembrerebbe infatti che siano ancora in atto diversi controlli. E che sia stata bloccata la registrazione delle carte a causa della percezione negativa degli emittenti nei confronti delle criptovalute.

Dure le parole di Charlie Lee in merito alla questione. Il fondatore di LTC, tramite un post su Twitter, ha dichiarato che:

Come tutti gli altri, eravamo molto eccitati per qualcosa che era troppo bello per essere vero. E abbiamo ottimisticamente trascurato molti dei segnali di avvertimento. Mi dispiace per aver fatto pubblicità a questa società e prometto di gestire meglio la due diligence in futuro.

La fondazione che ha finanziato il progetto ha bloccato gli investimenti su LitePay, a causa della poca trasparenza. Addirittura, sembrerebbe che Kenneth, CEO della start-up, abbia annunciato la vendita della società. Al momento, vi sono anche forti dubbi su come siano stati utilizzati i finanziamenti.

Un peccato, visto che LitePay poteva rappresentare, per LTC, un trampolino di lancio per superare le principali crypto concorrenti.

Ad ogni modo, gli investimenti su LiteCoin non hanno perso credibilità, in quanto la società  rimane solida e ha in cantiere diversi importanti progetti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*