Manovra, i sindacati non ci stanno: sciopero lunedì 12 dicembre

C’è amarezza da parte dei sindacati all’indomani dalla presentazione della manovra economica del Governo Monti. Le misure relative alle pensioni non sono state apprezzate dalle organizzazioni sindacali: possiamo dire che il premier Monti è riuscito a compattare tutte le sigle sindacali. Ed infatti il coro dei “no” vede tutte le associazioni sindacali compatte: si parte da Raffaele Bonanni, leader della Cisl. “La manovra grava solo su lavoratori e pensionati. Noi chiediamo che l’economia sia ravvivata da un minimo di spesa pubblica e dai consumi”, spiega Bonanni. “Si fa cassa sui poveri del Paese. Si interviene su redditi e consumi, ampliando gli effetti recessivi” gli fa eco il segretario generale Cgil, Susanna Camusso. Anche Luigi Angeletti, Uil, è tutt’altro che soddisfatto da questa manovra. “La manovra colpirà soprattutto le donne che non hanno una contribuzione regolare e negli ultimi anni quando avranno una contribuzione più regolare saranno colpite dal contributivo. Sorvolando sull’equità il governo ha puntato a far cassa” chiosa Angeletti. Tutte le associazioni sindacali sono concordi nell’affermare la volontà di scendere in piazza per protestare contro queste misure: lunedì 12 dicembre è stato proclamato uno sciopero, con modalità differenti. La Cgil infatti sciopererà per 4 ore, mentre Uil e Cisl proclamano una astensione dal lavoro di due ore, sempre per la stessa giornata.

Pietro Gugliotta

2 commenti

  1. Questa manovra del governo monti è fortemente ingiusta perchè pagano solo i cittadini lavoratori dipendenti e pensionati e tutti i precari e disoccupati.
    Spero che la Sig.ra Camusso dia una svegliata generale ad un sindacato che ormai non vive più da 40 anni ad oggi.

  2. CARO MONTI LEI HA PROFONDAMENTE DELUSO IL POPOLO ITALIANO, PER UNA VOLTA CHE SI VOLEVA CREDERE A UN GOVERNO GIUSTO E ONESTO, LA DELUSIONE E’ STATA GRANDE NEL VEDERE CHE AVETE PROTETTO SOLO I RICCHI E VOI STESSI E CIOE’ LA CASTA.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*