Mario Draghi: “I tassi resteranno bassi per un lungo periodo”

draghi_bceIl presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, è intervenuto ieri alla plenaria del Parlamento Europeo. La Bce vuole sostenere l’Euro ed incoraggia la ripresa, questo in estrema sintesi il concetto principale di Draghi, che ha confermato di voler mantenere bassi i tassi. “I tassi, che abbiamo portato al loro livello storicamente più basso, resteranno bassi per un lungo periodo. Il costo del denaro potrebbe scendere ancora se necessario” chiarisce il numero uno della Bce. Dunque prosegue la politica monetaria della Banca Centrale Europea, guidata da Draghi: le misure prese in questi anni hanno aiutato le piccole e medie imprese. Ancora una volta Draghi ha insistito sull’importanza dell’unione bancaria, vero e proprio punto cardine per la Bce. “L’Unione bancaria non è una panacea, per eliminare la frammentazione finanziaria è necessaria ma non sufficiente a rompere il legame tra debiti sovrani e banche ma le condizioni di prestito ugualitarie si ristabiliscono solo se proseguono anche riforme e consolidamento” spiega il numero uno della Bce. Nel consueto bollettino mensile della Bce, c’è spazio anche per l’Italia: il 2013 dovrebbe chiudersi con un rapporto deficit/Pil  al 3%, superiore all’obiettivo del 2.9%; nel 2014 invece, le previsioni parlano di un rapporto al 2.5%, anche qui superiore all’obiettivo prefissato nel programma di stabilità, dove il rapporto deficit/Pil era fissato all’1.8%.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*