Mario Draghi:”Disoccupazione giovanile è una minaccia per la stabilità sociale”

mario_draghiIl governatore della Banca Centrale Europea è piuttosto chiaro: bisogna cercare nuove soluzioni per tamponare la difficile situazione della disoccupazione giovanile. I Paesi dell’area Euro infatti non mostrano grandi segnali di miglioramento, per questo Mario Draghi ha deciso di lanciare un importante monito. “In alcuni Paesi dell’Eurozona l’alto tasso di disoccupazione giovanile è una minaccia per la stabilità sociale. La struttura del mercato del lavoro in alcuni Paesi deve essere riformata per riequilibrare il sistema ed evitare che il peso di condizioni più flessibili ricada in modo sproporzionato sulle nuove generazioni” afferma il numero uno della Bce. La Banca Centrale Europea ha lavorato duramente per ridare stabilità all’Eurozona, ma è chiaro che adesso tocca ai governi nazionali: la Bce ha fatto scelte anche coraggiose, che sono servite per evitare il collasso dell’Eurozona. “Le nostre misure hanno dato ossigeno a Paesi che erano sotto la pressione di mercati guidati dal panico e che stavano spingendo l’economia in una posizione dove tassi d’interesse troppo alti, ossia a un livello inappropriato, avrebbero fatto avverare la profezia di un default” chiarisce Draghi. Intanto, alcuni dati incoraggiano l’economia europea: gli spread, sia quelli sovrani che quelli aziendali, si sono ridotti. Un segnale positivo dal quale ripartire.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*