Matteo Renzi: sentiti Merkel e Hollande, tutti insieme per garantire stabilità finanziaria

All’indomani del referendum che ha sancito l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, il premier italiano Matteo Renzi ha voluto subito sentire i suoi colleghi in Francia e in Germania. Il primo ministro si è poi presentato in conferenza stampa per rassicurare tutta la popolazione. Il governo italiano e l’Unione Europea sono certi di poter garantire la stabilità finanziaria. Questa sera, l’ex sindaco di Firenze è atteso a Parigi, per un incontro informale con Hollande, durante il quale verranno certamente trattati gli argomenti politici ed economici del momento.

Matteo Renzi: riunione con i vertici prima dell’incontro con Angela Merkel

Ieri mattina il premier si è riunito con il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, il Ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Marco Minniti e il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco: tema del giorno ovviamente la Brexit. Dopo la riunione, nella quale probabilmente si è decisa la strategia dell’Italia da comunicare al primo ministro francese e alla Cancelliera tedesca, Matteo Renzi ha rilasciato importanti dichiarazione. Le sue parole sono rassicuranti e guardano al futuro, per un’Europa che deve diventare più umana e più giusta, ma che comunque rappresenta il futuro. Il premier si è soffermato sulla situazione scatenata dall’uscita della Gran Bretagna dall’UE, dichiarando che:

l’Italia farà la sua parte nel percorso che si apre. Il governo e le istituzioni europee sono nelle condizioni di garantire con ogni mezzo la stabilità finanziaria e la sicurezza dei consumatori.

Il primo ministro italiano ha posto come obbiettivo per tutti quello di arrivare al 25 Marzo prossimo, giorno in cui si festeggeranno i 60 anni dai primi trattati europei, con una rinnovata fiducia nei confronti dell’Unione che è la casa del futuro per tutti gli Stati che ne fanno parte.

Salvini: l’Italia non deve essere l’ultima a scendere da questa nave

Non mancano gli euroscettici tra le figure del mondo politico italiano. Ai festeggiamenti per la Brexit si è unito Matteo Salvini: il leghista ha associato il risultato del referendum in Inghilterra ad una speranza per l’Italia di uscire dall’eurozona, perché certamente questo è un risultato che scatenerà reazioni a catena in tutti i Paesi scontenti di questa Europa. Parole nettamente in contrasto con quelle del premier Matteo Renzi, che alle 9:30 di ieri ha riunito il Comitato per la salvaguardia della stabilità finanziaria, con lo scopo di elaborare il piano italiano per far pronte alla crisi dei mercati e soprattutto per evitare che i cittadini si spaventino più del dovuto per la situazione che si è venuta a creare dopo il referendum inglese.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*