Mercato dell’auto, a luglio ancora giù: – 21.39% rispetto a luglio 2011

Non accenna a diminuire la crisi del mercato dell’auto: il mese di luglio è l’ottavo mese consecutivo in cui si registra una forte flessione delle immatricolazioni. A segnalare i dati ufficiali del mercato dell’auto a luglio è il Ministero dei Trasporti: sono state immatricolate 108.826 auto. Numero decisamente più basso delle 138.445 vetture immatricolate un anno fa, a luglio 2011. La flessione è davvero importante: si parla del -21.39% fra luglio 2012 e luglio 2011. Il 2012 dunque sta diventando l’anno horribilis del settore auto. Non sorride nemmeno il settore dell’usato, che nei mesi scorsi riusciva a mitigare i cali delle immatricolazioni. Il mercato dell’usato infatti è in flessione: sono stati segnalati 355.811 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una flessione del -6.67% rispetto a luglio 2011. I dati sono realmente negativi e lasciano poco spazio a pensieri positivi: il parallelo dei periodi gennaio-luglio 2011 e 2012 è impietoso. Nel periodo fra gennaio e luglio del 2012, sono state immatricolate 923.739 autovetture, con una flessione del -19.87% rispetto alle immatricolazioni segnate nel periodo gennaio-luglio 2011. Stesso discorso vale anche per l’usato: nel periodo gennaio-luglio 2012, si contano 2.477.188 trasferimenti di proprietà, in calo del -11.04% rispetto allo stesso periodo del 2011. Fra le associazioni del mondo dell’auto, la situazione più pessimista è quella di Federauto. Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, non lascia spazio a pensieri positivi: “Il mercato degli autoveicoli in Italia è entrato in un tunnel di cui non si vede l’uscita. Anzi, grazie ai disincentivi varati dal governo Monti e del completo disinteresse del mondo politico rispetto ai temi della mobilità, il tunnel dell’automotive rischia di crollare”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*