Mercato dell’auto, marzo negativo in Europa: – 6.6% rispetto al 2011

Il mercato dell’auto in Europa, nel mese di marzo, è stato caratterizzato dalle pesanti flessioni che Francia ed Italia hanno mostrato: i due paesi infati hanno evidenziato forti cali, che hanno influenzato il dato finale delle immatricolazioni in Europa. Infatti prendendo in esame le immatricolazioni dell’Ue a 27 paesi, nel mese di marzo, troviamo 1.5 milioni di veicoli immatricolati, con una flessione del -6.6% rispetto allo stesso dato del marzo 2011. Come dicevamo, pesano i dati dei singoli stati, in particolare di Francia ed Italia: il mercato francese ha fatto segnare un calo delle immatricolazioni pari al 23%, mentre in Italia la flessione è stata ancora più forte, sfiorando il -27%. Al contrario in altri mercati, la situazione è in positivo: infatti Germania (+3.4%) e Regno Unito (+1.8%) hanno chiuso il mese di marzo, con un buon incremento delle immatricolazioni. A scorrere i dati relativi alle case automobilistiche, scopriamo come la Fiat sia fra le più negative: l’azienda del Lingotto infatti ha fatto segnare una flessione del 27.6%, scendendo ad una quota di mercato pari al 5.3% (rispetto al 6.8% di marzo 2011). Ma ad andare male sno quasi tutte le aziende automobilistiche: Acea evidenzia come le aziende francesi Renault e PSA (Peugeot e Citroen) abbiano avuto una flessione vicina al 20%. Sorridono le case automobilistiche tedesche: Volkswagen cresce dell’1.7%, bene anche BMW (+3.2%), Mercedes (+6.8%) e Audi (+7%).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*