Molestie sul lavoro, oltre il 51% delle donne ne subisce

L’Istat ha pubblicato uno studio su una materia molto delicata: le molestie sessuali in ambito lavorativo. I dati parlano molto chiaro: almeno una donna su due, nella fascia di età dai 14 ai 65 anni, ha subito ricatti o molestie sessuali a lavoro. Sono circa 10 milioni e 485mila le donne italiane – volendo quantificare questo dato – che hanno subito un qualsiasi tipo di molestia o ricatto sessuale, pari al 51.8% delle donne italiane. L’indagine riporta come la fascia più “tartassata” sia quella delle ragazze dai 14 ai 24 anni, per questa fascia spesso più che molestie, si tratta di veri e propri ricatti sessuali che vengono proposti dai datori di lavoro in cambio appunto di un impiego. Sono le donne del Sud quelle più molestate, circa il 32.2% delle donne ha subito una molestia dopo l’assunzione, mentre il restatnte 68.8% subisce un ricatto prima dell’assunzione o al termine del contratto, per mantere il posto. Purtroppo poche donne riescono a denunciare l’accaduto: il 18.3% circa ne parla con i colleghi, ma non denuncia alle autorità o alle forze dell’ordine. Il resto purtroppo tiene dentro queste molestie per paura di essere mal giudicata o perchè non le ritiene una cosa grave. Negli ultimi anni sono diminuite le telefonate oscene, mentre sono invariate le percentuali dei ricatti sessuali o delle molestie fisiche.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*