Moody’s taglia l’outlook a Germania, Olanda e Lussemburgo

La scure di Moody’s si scaglia anche contro la Germania: l’agenzia di rating internazionale, con sede negli Stati Uniti, Moody’s, ha comunicato di aver tagliato l’outlook di tre paesi europei, fra i più importanti. Si tratta del Lussemburgo, dell’Olanda e della Germania: tre paesi davvero fondamentali per le sorti dell’economia europea. E’ vero, si tratta di un taglio di outlook e non un taglio del rating, ma è sicuramente una situazione da tenere sott’occhio: molto spesso, il taglio dell’outlook porta, nel breve periodo, un taglio del rating. E così tre paesi dal rating eccellente (AAA) come Germania, Olanda e Lussemburgo, si vedono tagliare l’outlook, passando da stabile a negativo. Ecco la motivazione di questo taglio di outlook, inserita in una nota ufficiale pubblicata proprio da Moody’s. A pesare sulla decisione c’è senza dubbio “la crescente incertezza sugli esiti della crisi del debito nell’area dell’euro considerato l’attuale quadro politico e l’aumentata sensibilità all’eventuale rischio che deriverebbe dalla sempre più probabile uscita della Grecia dall’Eurozona, incluso l’impatto che tale evento avrebbe sui Paesi membri dell’area euro, in particolare Spagna e Italia”. Non si sono fatte attendere le repliche dalla Germania, il paese che forse ha gradito meno questo intervento di Moody’s. “La Germania resta l’ancora della stabilità dell’Eurozona” ha spiegato Wolfgang Schaeuble. Lo stesso ministro delle Finanze tedesco ha spiegato che la Germania “farà tutto ciò che potrà, assieme ai suoi partner, per consentire il superamento della crisi del debito europeo il più rapidamente possibile”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*