Napolitano: “Rafforziamo la credibilità e l’efficacia della Manovra”

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, prima che la manovra finanziaria che il Governo sta presentando al Senato, è voluto intervenire per chiarire alcuni aspetti. Infatti il presidente della Repubblica ha voluto invocare alcune correzioni che potrebbero essere apportate al testo della manovra, correzioni che andrebbero – secondo Napolitano – a rafforzare sia la crebilità che l’efficacia di questa manovra finanziaria. “Si è ancora in tempo per introdurre in Senato nella legge di conversione del decreto del 13 agosto misure capaci di rafforzarne l’efficacia e la credibilità. Faccio appello a tutte le parti politiche perché sforzi rivolti a questo fine non vengano bloccati da incomprensioni e da pregiudiziali insostenibili” spiega Napolitano. “Nessuno può sottovalutare il segnale allarmante rappresentato dall’odierna impennata del differenziale tra le quotazioni dei titoli del debito pubblico italiano e quelli tedeschi. È un segnale di persistente difficoltà a recuperare fiducia”. Questo l’appello di Napolitano alle forze politiche italiane. In questi giorni si è parlato molto del tema delle pensioni: Tremonti avrebbe voluto intervenire sulle pensioni, ma Berlusconi e Bossi lo hanno stoppato. L’idea del ministro dell’Economia era quella di innalzare gradualmente l’eta pensionabile delle donne, a partire dl 2012 e non più dal 2016, ma l’idea è stata subito bocciata. Intanto l’opposizione, per bocca del capogruppo PD, Anna Finocchiaro, fa sapere che “il Partito Democratico non attuerà alcuna forma di ostruzionismo e presenterà un numero limitato di emendamenti, a patto che vengano approvate due modifiche, ossia l’eliminazione dell’articolo 8 e la cancellazione dei tagli a province, regioni e comuni”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*