Partenza dei saldi a rilento: -5% rispetto al 2010

I saldi estivi sono iniziati sabato: in alcune città italiane in anticipo rispetto ad altre, gli sconti estivi sono già partiti. L’andamento delle vendite non ha soddisfatto i commercianti: un avvio a rilento, confermato anche dal Codacons. Infatti Carlo Rienzi, presidente del Codacons, ha spiegato come il bilancio di queste prime giornate di saldi sia tutt’altro che positivo. “Anche quest’anno migliaia di cittadini si sono riversati nelle vie dello shopping, ma non si è registrato alcun boom degli acquisti” spiega Carlo Rienzi in una nota. “La maggior parte dei cittadini attenderà ancora qualche giorno prima di aprire il portafogli. In definitiva però riteniamo che anche gli sconti estivi del 2011 faranno registrare a fine periodo una riduzione delle vendite che potrebbe raggiungere il 15 per cento”. Dunque consumatori in attesa, così come i commercianti che denunciano un buon andamento nelle zone centrali delle città, ma un flop abbastanza accentuato in periferia. Il Codacons, associazione che difende i consumatori, comunque raccomanda di fare attenzione: qualche negoziante potrebbe fare il furbo, inserendo fra gli articoli in saldo, merce delle scorse stagioni, residui di magazzino, o nel peggiore dei casi, finti sconti, con merce a prezzo rialzato pochi giorni prima dell’ingresso dei saldi.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*