Passera: “In Intesa San Paolo ancora a lungo”

Corrado Passera, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, è intervenuto ieri a Cernobbio, durante il Workshop Ambrosetti. Ecco i passi più interessanti del suo intervento. “Aver deciso di avere tre authority per tre settori ma soprattutto aver creato una responsabilità di macrosupervisione delle tematiche sistemiche e averla messa in mano alla Bce è un gran passo avanti. Saremo contenti di noi stessi – spiega Passera – come europei quando avremo un unico libro delle regole (rule book) e a quel punto si potrà pensare una supervisione molto coordinata o addirittura unica e in parte decentrata. Secondo me – prosegue Passera – abbiamo fatto come Europa un passo molto importante. Noi abbiamo un gran problema in Europa, quello di avere 27 sistemi di regole diverse, 27 sistemi di supervisione diversi. Questo e’ un ostacolo importante alla creazione del mercato unico dei servizi finanziari. E’ un problema che rende piu’ difficile e piu’ costosa l’attivita’ delle banche che operano in piu’ di un Paese. La Germania è un Paese storicamente molto forte. La disponibilità di grandi aziende fa la differenza, ma anche noi siamo un Paese esportatore, tra i primissimi. Siamo il secondo Paese esportatore, abbiamo visto come immediatamente anche le aziende italiane hanno reagito alle nuove possibilità sia di crescita nei Paesi in via di sviluppo sia alla svalutazione dell’euro. Noi abbiamo tutti gli strumenti per approfittare di questa fase di crescita”. La chiusura è dedicata al suo futuro: sarà ancora alla guida del gruppo bancario Intesa Sanpaolo? La risposta di Passera è semplice e si chiude con una battuta: “Si, sarò ancora qui a lungo. Poi non so quanto mi darà la vita…” conclude l’a.d. del gruppo bancario.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*