Prezzo Oro oggi 02 Dicembre: metallo giallo in recupero

Torna a salire il metallo giallo nella seduta odierna di mercato. Dollaro debole e investitori che attendono i dati su occupazione USA consentono al Prezzo Oro di riguadagnare parte del terreno perso durante la settimana. Quotazione attualmente a 1.173,50, con oltre 4 punti percentuali in più rispetto all’apertura. Il rendiconto di un anno sale all’11,56%. Indicatori tecnici segnalano la vendita sul lungo termine. Incertezza per le transazioni brevi. Il bene prezioso si stacca dunque dal minimo di 10 mesi. Sale anche l’Argento, mentre il Rame crolla inaspettatamente dell’1,06%.

Prezzo Oro oggi 02 Dicembre metallo giallo in recupero

Prezzo Oro: la Grande Rotazione dei mercati finanziari

Dopo oltre trent’anni di predominio ribassista, i capitali stanno ora uscendo dal settore obbligazionario, per dirigersi verso l’azionario.

Sembra dunque finalmente in atto la cosiddetta Grande Rotazione dei mercati. In questo contesto, unito alle vicende attuali dell’economia globale, gli analisti stanno cercando di capire innanzitutto le conseguenze dell’accordo Opec. Già è chiaro, dopo soli due giorni, che l’effetto positivo delle prime ore sta sfumando, soprattutto nelle Borse europee e americane.

Guardando a ritroso, la tendenza in crescita, dopo il predominio degli orsi, aveva già preso piede dopo la Brexit. Proseguendo poi con il rafforzamento del Dollaro, la vittoria a sorpresa di Donald Trump e lo storico accordo del Cartello che ha riportato il greggio sopra i 50 dollari al barile.

A fare da catalizzatore, le aspettative per un rialzo dell’inflazione globale. Tuttavia, la rotazione non può ancora considerarsi forte e infatti rimangono diverse situazioni di incertezza. Tra queste, spicca la condizione dell’oro, preda di consistenti alti e bassi negli ultimi tre mesi.

Per gli investitori, tutto ciò si traduce con importanti sfide per il 2017. Prima tra tutte il proseguimento del rally di Wall Street. Si insegue anche la ripresa delle materie prime, decisamente sottopressione negli ultimi anni.

FED: le conseguenze del rialzo dei tassi di interesse

Nel frattempo, il prossimo futuro della quotazione del metallo giallo è strettamente legato alle mosse della Federal Reserve. Le possibilità per la stretta a Dicembre sono ormai quasi al 100%. Manca solo il report di oggi sull’occupazione USA. L’annuncio dovrebbe arrivare durante il vertice dell’istituto del 13 e 14 Dicembre.

Le prime conseguenze dell’eventuale rialzo dovranno essere ricercate tra i ben 9000 miliardi di prestiti in Dollari Usa nel mondo, per lo più in possesso della Cina. E’ chiaro che la misura che verrà presa renderà più costosi i prestiti in dollari. Dunque, si punterà al rafforzamento del biglietto verde, come effetto di compensazione.

Ne deriva, in conclusione, che il prezzo oro è destinato a ritracciare ulteriormente, nonostante il recupero odierno. Biglietto verde e metallo giallo, infatti, si muovono storicamente in controtendenza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*