Prezzo Oro oggi 11 Ottobre: nuovo ribasso

I dati sul lavoro USA rilasciati venerdì hanno deluso. Ma non abbastanza. La Federal Reserve mantiene il proposito di un rialzo dei tassi di interesse entro fine anno. Il dollaro ne esce rafforzato. Dunque, dopo un lieve recupero, il prezzo oro scende ancora. Attualmente la quotazione del metallo giallo è a 1.258,05, in ribasso dello 0,19%. I venditori pressano, mentre il bene prezioso cerca di staccarsi dai minimi di quattro mesi.

Prezzo Oro oggi 11 Ottobre nuovo ribasso

Prezzo oro: metallo giallo osservato speciale

Scivolone dell’oro alla chiusura dei mercati di Venerdì. Il calo è stato attribuito al rafforzamento dell’ipotesi di un rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve.

Gli investitori continuano ad accanirsi sulla vendita, come non facevano da Maggio. Le posizioni nette lunghe sui futures sono scese del 22%. Da giugno ad oggi, il metallo giallo ha perso circa il 5% del suo valore, sulla scia del miglioramento dell’economia globale.

Ma il peggio è passato o deve ancora venire? La compagnia di servizi finanziari Wells Fargo sostiene che per l’oro si prospetta un futuro ancora più nero. Secondo l’analista John LaForge, che lavora presso la società californiana, “La storia dell’oro e dei supercicli delle materie prime, indicano che l’oro potrebbe scendere benissimo di altri 200 dollari, testare area 1.050 dollari, prima che arrivi il momento di tornare ad acquistare”.

Dunque, la perdita del 5% del suo valore potrebbe essere, per il metallo giallo, solo l’inizio di un ribasso ancora più pronunciato.

Oltre tutto, bisogna tenere presente anche un ciclo ribassista generale che affligge le materie prime dal 2011. LaForge continua con le sue previsioni spiegando che il bene prezioso ha necessità di smaltire l’eccesso di richiesta dell’ultimo periodo. Solo dopo aver fatto questo i prezzi potranno ritentare la risalita.

Metalli preziosi: anche l’argento scende ai minimi di quattro mesi

Se il metallo giallo se la passa male, il fratello minore Argento vive un momento anche peggiore. Alla chiusura dei mercati di Venerdì la quotazione dell’argento era scesa a 17,38 dollari l’oncia.

L’inizio di questa settimana ha segnato dapprima un lieve recupero. Ma poi il trend al ribasso è ripreso spedito.

Il prezzo oro, e in generale quello dei metalli preziosi, sta soffrendo molto la salita dei rendimenti dei titoli di Stato. Determinata peraltro dalla rinnovata fiducia nei confronti del rialzo dei tassi di interesse da parte di Fed.

Il crollo del prezzo dell’argento ha pesato significativamente sui titoli azionari dei produttori del metallo come Coeur Mining e Pan American Silver.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*