Prezzo Oro oggi 20 Febbraio: metallo giallo in ribasso

Torna a scendere il bene prezioso, nella seduta odierna di mercato. Prezzo oro attualmente a 1.236,25, in calo dello 0,23%. Come si può notare dal grafico sottostante, dopo il buon rialzo di venerdì, l’asset ha di nuovo invertito la propria tendenza. La quotazione, dopo aver aperto a 1.236, si è mossa fino ad ora tra il minimo e il massimo di giornata rispettivamente di 1.233,5 e di 1.239,25. Rendiconto di 1 anno pari allo 0,52%. Gli indicatori tecnici segnalano al momento la vendita per il breve, medio e lungo periodo. Mantenendosi però neutrali per le transazioni ad un’ora e sul mensile.

Prezzo Oro oggi 20 Febbraio metallo giallo in ribasso

Prezzo oro: cosa è accaduto Venerdì?

Per comprendere l’attuale condizione dell’asset del metallo giallo, ripercorriamo gli eventi della chiusura della scorsa settimana di mercato.

La quotazione, nella giornata di venerdì 17 Febbraio, ha toccato i massimi di Novembre 2016. Ovvero del periodo immediatamente precedente alla vittoria di Donald Trump alle presidenziali USA. Quali sono stati i motivi dell’ultimo rialzo?

Innanzitutto, le fluttuazioni del dollaro. Il biglietto verde rimane forte contro le principali valute rivali, ma non in modo così netto. Dunque, la condizione delle principali coppie valutarie rimane sostanzialmente instabile. E ciò ha spinto gli investitori a rifugiarsi sul bene prezioso.

Tuttavia, la frenata di Venerdì del comparto azionario e il contestuale calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro ha contribuito ulteriormente all’apprezzamento dell’oro.

Tutto ciò è da considerare conseguenza dell’intervento di Janet Yellen della scorsa settimana. Inizialmente, la numero uno della Federal Reserve si è detta favorevole ad una nuova stretta monetaria a Marzo. Tuttavia, dopo due giorni, la stessa Yellen è apparsa molto più cauta. Causando oscillazioni sul dollaro e un generale calo su titoli e azioni.

Attualmente, i punti di supporto e resistenza legati al metallo giallo sono rispettivamente di 1.206 e di 1.260. Gli analisti sembrano convinti che l’asset possa procedere ancora al rialzo, almeno nel breve periodo. Nel contempo, però, gli esperti invitano alla cautela. Considerando la situazione complessiva dei mercati ancora troppo instabile per poter procedere con previsioni sicure.

Borse: l’impatto di Donald Trump sui mercati

La vittoria del tycoon newyorkese alla corsa alla Casa Bianca avrebbe dovuto gettare i mercati nel panico totale. Così non è stato. Tuttavia, non si può negare che Trump abbia particolarmente influito sulle Borse globali, da tre mesi a questa parte.

In particolare, la nuova amministrazione del tycoon sta avendo particolare rilevanza nel settore delle materie prime.

Tra gli effetti più significativi della sua elezione, l’aumento del prezzo oro, cresciuto già del 7% dal 1° gennaio ad oggi.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*