Prezzo oro oggi 21 Novembre: metallo giallo in salita

Ci riprova il bene prezioso, cercando di sfruttare il lieve calo odierno del dollaro. Prezzo oro attualmente a 1.214,85, in rialzo dello 0,49%. Nel complesso sono quasi 6 i punti percentuali riguadagnati, dopo l’apertura a 1.207,5. Nonostante la salita, l’asset rimane vicino al minimo di sei mesi. Analisti prevedono incertezza per il breve termine, a causa del rialzo dei tassi USA a Dicembre, ormai praticamente scontato. Le probabilità che la decisione venga presa nell’incontro tra i vertici FED del 13 e 14 Dicembre sono ormai salite al 100%.

Prezzo oro oggi 21 Novembre metallo giallo in salita

Prezzo Oro: analisi fondamentale e previsioni

La scorsa settimana di mercato si è chiusa con la quotazione del metallo giallo ai minimi da Febbraio. Il crollo è da ricondursi principalmente alle dichiarazioni ribassiste di giovedì rilasciate da Janet Yellen. La numero uno della Federal Reserve ha ribadito che il rialzo dei tassi deve avvenire in fretta, anche se in modo moderato.

Durante la giornata di Venerdì, altre dichiarazioni a favore del rialzo di diversi esponenti della banca centrale statunitense hanno contribuito a portare l’oro a perforare i minimi di maggio. Raggiungendo quelli di febbraio.

Nel contempo, sia il dollaro che i Titoli del Tesoro USA viaggiavano ai massimi di 14 anni.

Questa nuova settimana di mercato è iniziata senza eventi macroeconomici di particolare rilevanza. L’oro ha dunque metto in atto la resistenza, sfruttando il calo del biglietto verde. Recuperati fino ad ora circa 5 punti percentuali. Tuttavia, le previsioni rimangono negative.

Gli indicatori tecnici segnalano la vendita sul breve, medio e lungo periodo. L’asset, di fatto, sta subendo continue oscillazioni, anche se per ora si mantiene il trend al rialzo.

Beni rifugio: il Rame schizza in vetta

Prima della vittoria di Donald Trump alla Casa Bianca, quasi tutti gli analisti puntavano sul boom dell’oro. Proprio a causa di una probabile elezione del tycoon newyorkese.

Invece di esplodere, la quotazione del metallo giallo è crollata, spinta al ribasso da un’inaspettata fiducia dei mercati nei confronti del nuovo Presidente USA.

Ad approfittare della situazione, la quotazione del Rame, che si è improvvisamente trasformato nel miglior metallo in Borsa. I grafici tecnici mostrano come dall’8 Novembre in poi l’asset abbia iniziato, seppur lentamente, un buon cammino al rialzo.

Il rame è passato da 5.040 dollari a 5.340 dollari per tonnellata. Su base mensile la crescita è del 6%, mentre su base annuale è del 16%. Praticamente ormai quasi superiore a quella del metallo giallo.

Prezzo oro si prepara dunque a resistere ad una nuova tempesta portata dal rialzo dei tassi USA.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*