Prezzo Oro oggi 23 Gennaio: sale il bene prezioso

Sale al massimo di due mesi il metallo giallo, nella seduta odierna di mercato. Prezzo oro attualmente a 1.213,75, in rialzo dello 0,73%. Con i mercati incerti su Donald Trump, sono oltre 8 i punti guadagnati dal bene prezioso. Rendiconto di un anno torna oltre il 10%. La quotazione, dopo aver aperto a 1.209, non è mai scesa sotto tale livello, muovendosi fino al massimo di oggi di 1.219,25. Indicatori tecnici segnalano l’acquisto per il breve e medio termine. Mantenendosi sulla vendita per il lungo periodo. L’oro si apprezza approfittando del calo del dollaro. Biglietto verde sottopressione a causa delle incertezze sulla politica del tycoon.

Prezzo Oro oggi 23 Gennaio sale il bene prezioso

Prezzo Oro: la situazione odierna sui mercati

Il biglietto verde è debole e si porta ai minimi di sei settimane, nella seduta odierna. L’indice del dollaro USA, che replica l’andamento della valuta statunitense, ha perso l’1,9% nell’ultimo mese.

Tale situazione è generata prevalentemente a causa dei dubbi sull’amministrazione Trump, appena insediatosi ufficialmente alla Casa Bianca. I primi discorsi del magnate americano non hanno rivelato dettagli in merito alle misure che verranno prese nell’immediato.

Tuttavia, Trump sarebbe già alle prese con la ridefinizione del patto commerciale tra Stati Uniti, Canada e Messico. E Venerdì riceverà la premier britannica Theresa May.

Complessivamente, le Borse globali risultano in calo. Afflitte dalla paura per la politica protezionistica del nuovo numero uno di Washington.

Sempre gli USA stanno condizionando l’inizio della settimana della quotazione del greggio. Che risulta in lieve discesa per l’aumento delle estrazioni negli States.

Un simile contesto ha portato il metallo giallo ad essere scelto dagli investitori, come di consueto, come bene rifugio principale. In attesa di nuove schiarite.

Durante questa settimana, si attendono i dati USA sulle vendite di case nuove ed esistenti. Sulle richieste di sussidio di disoccupazione. Sugli ordinativi dei beni durevoli. E sul sentiment dei consumatori. Salgono anche l’Argento, il Palladio e il Rame. Il Platino si apprezza addirittura dell’1%.

Commodities: previsioni oro nel breve periodo

Se il rialzo odierno dovesse proseguire, per la quotazione del metallo giallo si prospetta un imminente superamento del massimo della scorsa settimana. Ovvero una salita oltre 1.221 dollari.

La rottura di questo target potrebbe portare l’asset a raggiungere prima i 1.235 dollari e poi il livello di 1.261.

Per tutta la settimana, i mercati continueranno a focalizzarsi su Donald Trump. In attesa di capire se e quando la nuova amministrazione inizierà ad occuparsi, come promesso, della spesa pubblica e dei tagli alle tasse.

Nel complesso, le previsioni per il prezzo oro a breve termine saranno determinate da come si comporterà il tycoon. L’eventuale fallimento del magnate porterebbe il bene prezioso verso picchi impensabili fino ad un mese fa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*