Prezzo oro oggi 24 Ottobre: dollaro forte frena sulla domanda

Metallo giallo stabile alla riapertura odierna dei mercati. Tuttavia, sull’asset pesa un dollaro forte che non consente al bene prezioso di innalzarsi sulla domanda. Prezzo oro attualmente a 1.265,50, giù dello 0,17%. La quotazione della materia prima viaggia tra il supporto di 1.268,60 e la resistenza di 1.271,50. Si tratta rispettivamente del minimo del 21 Ottobre e del massimo toccato il 20 Ottobre. La fiducia sul rialzo dei tassi di interesse USA a Dicembre tarpa le ali al metallo giallo. Biglietto verde ai massimi di nove mesi.

Prezzo oro oggi 24 Ottobre dollaro forte frena sulla domanda

Prezzo Oro: legame tra Trump e il metallo giallo?

Come bene rifugio per eccellenza, l’oro riflette principalmente i timori degli investitori sui rischi del mercato. Quanto più alti sono questi rischi, tanto più sale la quotazione della materia prima.

Nel dopo Brexit, l’asset ha performato al rialzo fino a raggiungere il livello di 100 dollari l’oncia in più rispetto all’attuale valore di mercato. A contribuire alla salita del trend dell’oro, i pericoli legati ad un’eventuale elezione di Donald Trump. Per le sue idee, qualora il magnate americano diventasse il nuovo padrone della Casa Bianca, l’economia USA potrebbe subire diversi drastici cambiamenti.

Ecco perché non sono pochi gli analisti che vedono una correlazione tra i sondaggi sulle elezioni presidenziali dell’8 Novembre e l’andamento del metallo giallo.

Dopo l’interminabile salita dei mesi scorsi, il bene prezioso ha iniziato ad invertire la rotta. Proprio in concomitanza con i primi dibattiti pubblici tra i due candidati. La Clinton sembrava aver raccolto il massimo dei consensi e il metallo giallo ha indietreggiato pesantemente. Dopo il terzo dibattito, Trump ha riguadagnato il favore di diversi elettori e l’asset dell’oro ha ripreso ossigeno.

In mattinata, però, gli ultimissimi sondaggi rivelano che a pochi giorni dal voto il candidato repubblicano avrebbe solo il 5% di chances di vincere le elezioni. E l’oro ha frenato di nuovo.

Quotazione Argento: Ottobre flop

Nel frattempo, il decimo mese dell’anno si avvia verso la conclusione. Per le materie prime, e in particolare per i metalli, non è stato un periodo particolarmente florido.

Oltre al bene rifugio per eccellenza, infatti, anche l’Argento ha toccato i suoi minimi durante questo mese. Le motivazioni alla base del crollo sono le stesse. Ovvero un dollaro in forte apprezzamento con l’economia statunitense in crescita e FED pronta ad agire sui tassi. Segue la stessa tendenza il Rame.

Prezzo oro che dunque attende l’8 Novembre come data X per capire il possibile trend futuro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*