Prezzo oro oggi 27 Dicembre: impennata del metallo giallo

Con gli acquisti speculativi del dopo Natale, la quotazione del metallo giallo torna a salire in modo deciso. Prezzo Oro attualmente a 1.139,20, su dello 0,49%. Oltre cinque i punti percentuali recuperati rispetto all’apertura. L’asset si è mosso, durante la seduta odierna, tra il minimo e il massimo di giornata di 1.132,5 e 1.151,5. Tuttavia, gli indicatori tecnici segnalano la vendita per il breve, medio e lungo periodo. La salita di oggi sembrerebbe essere dovuta solo agli acquisti speculativi. Tipici al ritorno dalle vacanze natalizie e per l’ultima settimana dell’anno.

Prezzo oro oggi 27 Dicembre impennata del metallo giallo

Prezzo oro: il 2017 dei mercati

Mese per mese, il 2017 sarà segnato da una serie di eventi che influenzeranno in modo significativo le Borse mondiali.

Il mese di Gennaio è caratterizzato, storicamente, dagli acquisti. Ma anche dalle scadenze lasciate in sospeso durante le vacanze. La salute dell’economia dell’occidente passerà dunque subito per la prova saldi.

Per febbraio, si attendono le stime di Bruxelles. L’inflazione europea, seppur lievemente al rialzo, non dovrebbe superare l’1,5%. Dunque l’obiettivo del 2% posto dalla Banca Centrale guidata da Mario Draghi rimarrà ancora lontano.

A Marzo, se tutto procederà secondo i programmi, il Regno Unito dovrebbe ufficializzare la Brexit. Nel frattempo, si prevede un biglietto verde ancora in apprezzamento per quel periodo. Con il probabile primo dei tre rialzi sui tassi USA promessi dalla Federal Reserve. Sempre a marzo, si terranno le elezioni in Olanda. Con partito degli euroscettici in vantaggio.

Il 23 Aprile, invece, andrà in scena il primo turno delle presidenziali francesi (ballottaggio previsto per il 7 Maggio). Anche a Parigi salgono i consensi per la destra populista guidata da Marine Le Pen.

A Maggio, Bankitalia rilascerà le proprie previsioni, mentre a fine mese fari puntati sul G7 a Taormina.

Borse: la seconda parte del 2017

Giungo sarà il mese del petrolio, con l’Opec al primo importante test di verifica per i tagli alla produzione decisi il 30 Novembre scorso. A Luglio saranno invece più chiari gli effetti della nuova amministrazione Trump.

Per Agosto si attendono le stime sul PIL del secondo trimestre. A Settembre sarà il turno di Angela Merkel, con le elezioni tedesche. Ottobre e Novembre all’insegna dei risultati dell’OCSE e della valutazione di Bruxelles sull’andamento dell’economia europea. A Dicembre, come sempre, FED protagonista con il bilancio dell’anno e, probabilmente, con il terzo rialzo sui tassi USA.

Prezzo Oro che rimarrà dunque all’erta per 12 mesi, pronto a fare da bene rifugio in situazioni di forte caos che potrebbero derivare dalle situazioni sopraelencate.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*