Prezzo Oro oggi 28 Dicembre: quotazione in oscillazione

Dopo il deciso rialzo di ieri, la quotazione del metallo giallo prosegue tra varie oscillazioni, nella seduta odierna di mercato. Prezzo Oro attualmente a 1.139,35, in lieve rialzo dello 0,04%. Ieri l’asset era riuscito a riportarsi a quota 1.145. Salvo poi ritracciare dopo i dati USA che hanno attestato ancora una crescita per l’economia americana. Indicatori tecnici si mantengono neutrali per il brevissimo termine. Vendita dell’asset preferita per il breve, medio e lungo periodo. La salita della quotazione è stata registrata principalmente sulle Borse asiatiche. Il dollaro in apprezzamento ha poi frenato il recupero.

Prezzo Oro oggi 28 Dicembre quotazione in oscillazione

Prezzo Oro: top e flop dell’ultimo trimestre 2016

Analizzando i mercati di questi ultimi mesi dell’anno, il biglietto verde e il metallo giallo possono essere considerati come il top e il flop del periodo.

Le due quotazioni si muovono storicamente in controtendenza. Con il bene prezioso preferito dagli investitori in situazioni di caos.

Ad onor del vero, secondo le previsioni degli analisti pubblicate nella prima parte dell’anno, l’ipotetica vittoria di Donald Trump avrebbe dovuto gettare i mercati nel panico. Ma così non è accaduto. Stessa considerazione vale per la vittoria del fronte del NO al referendum costituzionale italiano. Che ha causato le dimissioni dell’ex premier Matteo Renzi.

Dunque non è stato solo l’apprezzamento del dollaro degli ultimi mesi a spingere il metallo giallo verso il baratro. Ma anche un generale abbandono, da parte degli investitori, del bene rifugio per eccellenza.

Da flop a top, invece, il Petrolio. Altra quotazione che, storicamente, si muove in trend contrario all’oro. L’accordo Opec ha spinto ai massimi il prezzo dell’oro nero e il metallo giallo ha continuato a sprofondare.

Secondo gli esperti, nonostante la divisa statunitense e il greggio dovrebbero continuare a muoversi in salita, durante il 2017 l’oro sarà in grado di recuperare. In particolare se l’Opec-non-Opec non rispetterà i tagli premessi. Se la FED dovesse tornare sui propri passi in merito al rialzo dei tassi USA. E se l’effetto della politica di Donald Trump dovesse rivelarsi negativo per l’economia americana.

Beni rifugio: boom di Bitcoin

Il 2016 deve ancora concludersi, ma l’attenzione degli investitori è già puntata sul prossimo anno che sta per iniziare.

Se il metallo giallo ha perso appetibilità, la quotazione dei bitcoin può invece vantare un’ottima performance, ormai vicina agli 800 dollari.

Secondo alcuni investitori, nel 2017 l’asset potrebbe raggiungere persino il 160% del suo attuale valore. Arrivando fino a quota 2000 dollari.

Prezzo Oro che dunque, oltre al dollaro e al petrolio, sembra avere un nuovo nemico molto pericoloso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*