Prezzo Petrolio oggi 18 Novembre: taglio Opec sempre più difficile

Scorte USA sopra le attese. Iraq, Iran e Nigeria che non parteciperanno al vertice del 30 Novembre. Sembra sempre più difficile che a Vienna l’Opec possa uscire con un accordo in mano. Il Prezzo Petrolio ne risente e torna a scendere nella seduta odierna di mercato. Quotazione attualmente a 45,30 dollari al barile, in ribasso dello 0,26%. L’asset prova a resistere, con le buone intenzioni dell’Arabia Saudita. Il Regno pronto a togliere il timbro «Top secret» sulle riserve petrolifere. Ma i dubbi restano.

Prezzo Petrolio oggi 18 Novembre taglio Opec sempre più difficile

Prezzo Petrolio: l’Iraq e i contratti con major

Difficile rimane soprattutto la situazione dell’Iraq. Che sembrerebbe impossibilitata a partecipare al taglio della produzione di greggio, a causa dei contratti con major.

In sostanza, lo Stato dovrebbe risarcire le società petrolifere internazionali, nel caso in cui venisse posto l’obbligo di stop alla produzione. Dunque è quasi certo che il Paese non potrà partecipare all’accordo sul quale ancora si sta lavorando con intense negoziazioni.

La clausola del risarcimento riguarderebbe anche colossi come Shell, Exxon Mobil e ENI, che però non hanno commentato la notizia.

A preoccupare ora è anche il nuovo Presidente degli Stati Uniti. Non è infatti ancora chiaro come si comporterà Donald Trump nei confronti delle materie prime. I grossi investimenti voluti dal tycoon americano includerebbero piuttosto l’economia cinese. Attualmente, Trump non ha ancora mosso un dito e ciò che sta accadendo in Borsa è solo speculazione dei mercati.

Come detto, i prezzi in salita derivano soprattutto dalle Borse asiatiche.

Oggi, intanto, si terrà il vertice informale dell’Opec a Doha. Il greggio rimane al momento sotto pressione. Tuttavia, con la Russia che finalmente sembrerebbe aver detto SI all’accordo, l’incontro potrebbe dare esito positivo.

Arabia Saudita: sì alle cifre ufficiali

Sul fronte saudita, il Regno si appresta a rendere note le cifre ufficiali delle riserve di Petrolio. Ciò non accadeva dal 1980.

Ma il colosso Saudi Aramco sta per approdare in Borsa, e dunque è necessario ricorrere alla trasparenza. Tanto più che il governo saudita spera di guadagnare dalla quotazione circa duemila miliardi di dollari.

Il ministro del Petrolio, Khalid al-Falih, in merito alla questione ha dichiarato che:

Sarà la quotazione più trasparente di tutti i tempi di una compagnia petrolifera. Condivideremo tutto di Saudi Aramco, tutto sarà verificato da terzi indipendenti”.

Dunque anche riserve, costi e redditività.

Proprio l’Arabia Saudita ha un ruolo cruciale nelle negoziazioni sull’accordo al taglio della produzione.

Prezzo Petrolio in attesa quindi di notizie, sperando che siano buone.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*