Quale metodo di risparmio: conto deposito, obbligazioni, titoli o assicurazioni?

soldiIl risparmio è un tema che oggi sta molto a cuore a noi italiani, possiamo dire che siamo sempre alla ricerca della soluzione migliore con cui gestire i nostri soldi. Ma quale soluzione scegliere tra la miriade di offerte e garanzie (o presunte tali) che gli istituti di credito e finanziari offrono? Molto dipende, innanzitutto, dal nostro modo di operare con questi soggetti ed anche dalle nostre conoscenze del mercato finanziario.

[ad]

Cominciamo a vedere le soluzioni proposte: negli ultimi anni si è sempre più incrementato un utilizzo dell’Home Banking che, a fronte di costi ridotti all’osso, offre un servizio completo, gestibile direttamente dal proprio computer, quindi una sistema che farebbe prediligere i conti deposito, ovvero depositi diversi da un conto corrente che servono per accantonare i propri risparmi, alimentati da conti correnti o versamenti periodici.

Ottima soluzione per chi, quindi, opera digitalmente senza recarsi in banca (target giovani 18-35).

Obbligazioni e titoli sono soluzioni predilette, secondo sondaggi, da un pubblico di età compresa tra i 35 e i 55 anni, abituati a gestire fisicamente i propri risparmi, anche perché sono ancora pochi i conti correnti  online (attualmente conosciamo webank.it) che permettono la sottoscrizione digitale.

Soluzione per  chi ha contatti diretti con la banca (target 35-55)

Le assicurazioni, invece, sulla vita, a risparmio, malattia o infortuni, vengono scelte  in prevalenza come complemento alle prime 3 voci e meno frequentemente come soluzione primaria, hanno però la capacità di essere integrabili in soluzioni previdenziali.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*