Quotazione Apple oggi 12 Ottobre: boom effetto Samsung

Il crollo del titolo dell’azienda sud coreana premia il colosso di Cupertino. Quotazione Apple sale ai massimi dell’anno. Prezzo del titolo attualmente a 116,30, in rialzo dello 0,22%. All’apertura dei mercati l’asset ha toccato i 117 dollari. Già nella scorsa settimana, diversi analisti avevano previsto che le difficoltà di Samsung avrebbero “regalato” ad Apple un ulteriore rialzo dell’1%. Si prevede inoltre che la mela morsicata possa portare dalla sua il 7% degli utenti in più rispetto alle stime di inizio anno. La posizione dell’azienda sud coreana si aggrava anche sul mercato cinese, nel quale ha dominato fino a fine agosto.

Quotazione Apple oggi 12 Ottobre boom effetto Samsung

Quotazione Apple: flop e top 2016

Che l’azienda capeggiata da Tim Cook stesse vivendo un buon momento era già stato appurato con i preordini dell’iPhone 7. Dati record, infatti, per l’ultimo top gamma della casa californiana.

Il flop del Galaxy Note 7 ha certamente contribuito, nelle ultime settimane, ad attrarre consumatori e investitori verso il titolo di Cupertino.

Tuttavia, secondo gli esperti, i maggiori benefici del crollo del colosso sud coreano andranno in favore dei produttori Android. Le conseguenze di mercato del flop del Note 7 non sono dunque così semplici.

Wells Fargo Securities, società specializzata in investimenti, ritiene che gli utenti Samsung dirotteranno su altri dispositivi Android piuttosto che cambiare “fede” acquistando un melafonino.

Dati statistici indicano che Google, Motorola, LG e altri colossi dell’elettronica potrebbero incrementare le proprie vendite in modo maggiore rispetto alla stessa Apple.

Stando alle opinioni degli utenti riscontrate sui social, molti consumatori stanno già dirottando sul Samsung Galaxy S7 e sullo OnePlus 3. In coda, prima dell’iPhone, ci sarebbero i nuovi Pixel di Google.

Mercato cinese: tutti i progetti di Tim Cook

Ieri è stata diffusa la notizia che l’azienda Californiana voglia riservare al mercato cinese la doppia SIM. Questo tipo di tecnologia è molto richiesta sul territorio e i concorrenti Samsung e Huawei già ne sono produttori.

E’ certo che un iPhone che possa contenere la propria SIM, ma anche, ad esempio, quella aziendale, attrarrebbe una fetta di consumatori decisamente consistente.

I progetti per la Cina non sono però finiti qui. Apple aprirà presto a Pechino il primo centro per la ricerca e lo sviluppo. Inoltre, è già stata ufficializzata la partnership con Didi Chuxing, il maggiore operatore del settore del ride-sharing in Cina.

Quotazione Apple che dunque sembra poter terminare l’anno con picchi massimi che ne mostrano la attuale forza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*