Quotazione Apple oggi 18 Ottobre: lieve discesa

Rimane sempre vicina ai massimi del periodo la quotazione Apple di oggi 18 Ottobre. Tuttavia, il titolo dell’azienda di Cupertino apre in lieve discesa. E’ arrivata ieri la sentenza per l’inchiesta a Milano, che vedeva la società californiana incriminata per evasione fiscale. Nel frattempo, Tim Cook e soci sembrano aver accantonato, per il momento, il progetto dell’auto elettrica senza pilota. In Borsa l’azienda beneficia ancora del disastro Samsung, insieme ad Huawei.

Quotazione Apple oggi 18 Ottobre lieve discesa

Quotazione Apple: la Procura di Milano chiede il patteggiamento

Sembra che la parola fine sia stata messa sull’inchiesta sul caso Apple. La Procura di Milano ha chiesto al gip il patteggiamento per un manager coinvolto, e l’archiviazione per altri due dipendenti della società californiana.

Apple era indagata per mancato versamento Ires. La presunta evasione fiscale da parte della mela morsicata si riferiva al periodo tra il 2008 e il 2013. La società versò poi 318 milioni di euro all’Agenzia delle Entrate per sanare la propria posizione tributaria.

Dunque il caso sembra essersi risolto con un patteggiamento e due archiviazioni.

Le persone coinvolte sono state: Enzo Biagini, legale rappresentante e ad di Apple Italia, Mauro Cardaio direttore finanziario e Michael Thomas O’Sullivan, manager della società irlandese Apple Sales International.

Per i tre l’accusa era di omessa dichiarazione dei redditi.

L’inchiesta ha portato alla luce che i profitti realizzati da Apple in Italia vengono contabilizzati dalla filiale della società con sede in Irlanda. Al fine di subire una minore pressione tributaria.

Lo stesso iter viene seguito da Amazon, Facebook e Google. Anche per queste società è in corso un’inchiesta giudiziaria con diversi indagati.

Crisi Samsung: Apple e Huawei si dividono il bottino

L’analista di KGI Securities, Ming-Chi Kuo, ha condotto una ricerca i risultati della quale individuano in Apple e Huawei le principali società avvantaggiate dal crollo dell’azienda sud coreana.

Le due concorrenti si stanno infatti spartendo una grossa fetta di clientela emigrata dai dispositivi Galaxy.

Da parte sua, Samsung sta cercando di porre rimedio alla disfatta del Note 7 in diversi modi. Molti bonus e incentivi sono stati proposti agli utenti. Inoltre, per chi ha dovuto restituire lo smartphone con la batteria pericolosa, è previsto uno sconto sostanzioso per l’acquisto dell’S7 Edge.

Su circa 14 milioni di utenti che avevano prenotato o acquistato il Galaxy Note, è stato stimato che circa la metà ha abbandonato Samsung dopo il ritiro dal commercio del dispositivo. La maggior parte di essi hanno dirottato le proprie preferenze sull’iPhone.

Quotazione Apple che dunque beneficia di una serie di contingenze positive, e il titolo continua a rimanere su livelli record.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*