Rapporto Ocse: la Cina diventerà leader mondiale

Secondo l’ultimo Rapporto Ocse, la Cina che sta portando l’economia Mondiale fuori dalla Crisi, è destinata a diventare la prima potenza industriale del mondo nel giro di pochi anni (dai 5 ai 7), scacciando così gli Stati Uniti dalla vetta che occupano da molto tempo. Il rapporto dell’organizzazione di Parigi non ha fatto altro che confermare quello che molti studi ed esperti di economia mondiale hanno già “predetto” a più riprese. La Cina, forte degli ingenti stimoli governativi, deve continuare su questa strada, ossia non ridurre la spesa pubblica ma continuare a fornire le risorse necessarie per le varie riforme sociali nell’educazione, pensioni, welfare e sanità.

[ad]

Pier Carlo Padoan, capo economista dell’Ocse, ha confermato che il vigoroso intervento di sostegno dell’economia nazionale in Cina ha permesso di contenere l’impatto della recessione globale. Attenzione però, non mancano possibili problemi. L’eccesso di credito bancario in Cina potrebbe minacciare la stabilità delle istituzioni finanziarie del paese, e questo vorrebbe dire problemi per tutti, ricordando l’intensa connessione a livello di sistema bancario internazionale. A preoccupare l’Ocse inoltre, c’è la pressione inflazionistica, che sta salendo rapidamente, infatti le stime sull’inflazione 2010 sono state riviste dallo 0,1% all’1,8%, mentre quelle del 2011 passano dall’1% al 2%. Per quanto riguarda le previsioni sul Pil, è stato confermato il +10.2% del 2010 e il +9,3% del 2011.

Giuseppe Raso

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*