Ripple: il calo ha raggiunto l’80%

XRP di Ripple ha raggiunto, nelle ultime ore di mercato, il calo dell’80% rispetto al picco di gennaio. Dal massimo storico di 3,32 dollari statunitensi, infatti, la criptovaluta viene oggi scambiata a 0,63. Con una peridita del 18% solo nelle ultime ore di mercato, come si evince dal grafico tecnico. Ciò si traduce in 120 miliardi di dollari in meno per quanto riguarda la capitalizzazione di mercato del bene finanziario. La cifra attuale è di 27,3 miliardi di dollari. Contro i 147 miliardi di inizio gennaio. Ad ogni modo, la moneta rimane la terza criptovaluta più importante. In grado di superare anche Ethereum, durante il suo momento migliore.

Ripple: i pericoli Facebook, Arun Jaitley e Authority USA

Le motivazioni dietro al crollo delle criptovalute sono, in un certo senso, fisiologiche. E dunque, pressoché normali. Tuttavia, il settore dei pagamenti digitali ha dovuto e sta ancora affrontando una serie di altri scogli di una certa portata.

Innanzitutto Facebook, intervenuto a gamba tesa nel mercato delle criptomonete. Il social network ha infatti recentemente vietato tutte le pubblicità che promuovono le criptovalute e le initial coin offering. L’effetto è stato immediato. Basta considerare il calo del Bitcoin oltre il 28%.

Il social ha giustificato la propria azione sostenendo l’intenzione di arrivare, in questo modo, ad identificare e sopprimere le pubblicità ingannevoli. Con l’obiettivo ultimo di proteggere gli utenti dalle truffe.

Altro scoglio, le Authority USA, che hanno preso di mira, in particolare, Bitfinex e Thether. Ovvero, rispettivamente, la maggiore piattaforma di scambio di valute digitali e una start up che emette una nuova criptovaluta.

Infine, il ministro delle finanze indiano. Arun Jaitley, pur rilasciando dichiarazioni non completamente chiare, si è espresso in modo contrario sugli scambi di criptovalute.

Nonostante tutto questo, per Ripple e le altre monete virtuali si prevede una futura ripresa. probabilmente nel giro di qualche mese. Ecco perché sembrerebbe il momento adatto per continuare o iniziare ad investire nel settore delle criptovalute.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*