Ripple: rialzo faticoso e recupero lento

Il prezzo Ripple fatica a muoversi al rialzo, nella seduta odierna di mercato. Attualmente, la criptovaluta viene scambiata a 1,0900 dollari, dopo il picco di 1,18 del 17 febbraio. La moneta è in perdita sia contro il dollaro USA che contro Bitcoin. Come si evince dai grafici, non si è verificata alcuna rottura al rialzo sopra il livello 1,12. Ciò significa che la tendenza rialzista intravista la scorsa settimana non sembra proseguire. Guardando gli indicatori tecnici, il MACD orario si sta spostando nella zona ribassista. Mentre l’RSI è sotto il livello 50. Prossimo supporto fissato a 1,0400 dollari.

Ripple: Brad Garlinghouse e Western Union

Nonostante le fatiche odierne, XRP aveva rirpeso fiato, nelle scorse sedute, dopo il crollo di inizio anno. Tuttavia, è stato lo stesso CEO di Ripple a mettere in guardia gli investitori sulle criptovalute.

Qualche giorno fa, infatti, Brad Garlinghouse ha invitato i trader alla prudenza. Sostenendo che, nel futuro, le cryptocurrencies potrebbero addirittura scomparire. Ad eccezione di XRP naturalmente.

Secondo Garlinghouse la sua moneta è migliore delle altre perché ha uno scopo. E il suo valore, nel lungo periodo, sarà legato all’utilità dell’asset stesso.

Non a caso, la ripresa di XRP è stata merito soprattutto della fiducia conferitale dalle banche e dalle istituzioni finanziarie. Tra queste Western Union. L’ultima, in ordine cronologico, a sperimentare l’utilizzo della piattaforma per i pagamenti transfrontalieri.

Il CEO della società di servizi finanziari ha infatti annunciato, il 13 febbraio, che la società sta valutando e testando diversi modi per utilizzare il sistema di Garlinghouse. In effetti, le transazioni con XRP sembrerebbero essere 1.000 volte più veloci rispetto a quelle con Bitcoin.

Si tratta di un contesto generale che, nonostante il calo odierno, pone Ripple in una condizione di forte solidità. Motivo per il quale gli investitori che cercano di attraccare in porti sicuri nel mare delle criptovalute, dovrebbero prendere in considerazione questa valuta. Le previsioni per il 2018 sono piuttosto interessanti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*